|

Isis, ancora l’Italia nel mirino: «Il Mediterraneo sarà colorato dal sangue»

L’Italia finisce ancora un volta nel mirino della propaganda jihadista dello Stato Islamico. A rivelarlo è ancora una volta Rita Katz, esperta nella ricerca sul web di minacce dell’Isis oramai famosa in tutto il mondo. In un video caricato in rete i terroristi invitano il nostro Paese a non scendere in guerra, altrimenti il mar Mediterraneo sarà «colorato dal sangue dei cittadini» italiani per effetto dell’azione di «lupi solitari».

 

L'Isis minaccia ancora l'Italia e Roma
LaPresse

 

LEGGI ANCHE:
Isis, ecco la reazione armata dell’Occidente
«Isis minaccia»: il profilo Twitter che ha capito come far paura agli italiani
Come si prepara la liberazione di Mosul dall’Isis

 

L’ISIS MINACCIA L’ITALIA, I QAEDISTI SOMALI INVOCANO ATTENTATI IN OCCIDENTE – Ma va rilevata, nello stesso tempo, anche la minaccia rivolta dal movimento qaedista somalo ai centri commerciali in Occidente. Ne parla Guido Olimpio sul Corriere della Sera:

Più consistente l’intervento dei terroristi del Corno d’Africa che hanno giocato sul ricordo di quanto avvenuto il 21 settembre 2013 al Westgate di Nairobi. Quasi 70 morti nell’attacco con presa d’ostaggi. «Se un pugno di mujaheddin ha tenuto in scacco il Kenya per una settimana, figuriamoci cosa possono fare in Occidente o in centro gestito da ebrei», hanno affermato gli estremisti elencando i possibili bersagli: il Mall of America in Minnesota, il West Edmonton in Canada, Oxford Street a Londra, Le Forum des Halles e Les Quatre Temps in Francia.

L’ennesima minaccia all’Italia nella guerra psicologica dello Stato Islamico arriva in un momento cruciale, mentre il nostro Paese è al centro del dibattito per un eventuale intervento militare in Libia. E non può non far scattare un allarme. Quello dei cosiddetti «lupi solitari» non è un pericolo facile da prevenire. L’allerta dei nostri 007 e dell’Antiterrorismo è dunque altissima, nonostante non siano evidenti specifici progetti di attacco nel nostro territorio.

(Foto di copertina da archivio LaPresse)

TAG: ISIS