|

La guerra fra Striscia la Notizia e i ricercatori pro sperimentazioni su animali

La guerra fra Striscia la Notizia e i ricercatori che difendono la sperimentazione sugli animali non si arresta: sabato l’ultima puntata, con la messa in onda del servizio di Edoardo Stoppa, storico attivista animalista in forza al tg satirico di Antonio Ricci, che è tornato all’Università la Sapienza per indagare la storia delle presunte “galere” in cui sarebbero imprigionati i “primati non umani”, ovvero i macachi, utilizzati per le sperimentazioni cliniche.

Roberto Caminiti risponde a Striscia La Notizia sulla sperimentazione animale

STRISCIA LA NOTIZIA E GLI ANIMALISTI – Il servizio aveva l’intenzione di filmare il presidio degli animalisti europei organizzato davanti ai laboratori dopo un precedente servizio di Striscia, andato in onda a dicembre, e di cui avevamo parlato anche su queste pagine riportando anche la replica dello scienziato accusato di maltrattamenti, Roberto Caminiti. 

Dopo il video del dicembre scorso, il Partito Animalista Europeo aveva organizzato un presidio davanti ai locali della Sapienza che però la Questura aveva spostato fuori dai locali della Città Universitaria a causa della situazione di tensione che stava montando; sempre le autorità avevano consigliato agli scienziati dell’Università di annullare luna contro-manifestazione organizzata in difesa della Sperimentazione Animale per evitare di alzare ulteriormente il livello dello scontro.

In un clima, dunque, da “università blindata” si era tenuto il presidio del Partito Animalista Europeo. Nel servizio di Stoppa venivano inquadrati gli spazi dell’università nel tentativo di dimostrare che la contro-manifestazione dei ricercatori era stata annullata.

LEGGI ANCHE: I vaccini per l’Ebola pronti per la sperimentazione

#STOPPAVERGOGNATI – La realtà è che la manifestazione dei ricercatori si è regolarmente tenuta nei locali del dipartimento, ed è stata massicciamente partecipata da parte degli scienziati, come dimostrano le foto diffuse su Facebook con l’hashtag #StoppaVergognati.

Il servizio, sostengono gli studiosi, non ha dato conto della loro manifestazione. Così, anche su Twitter monta la protesta.