|

Grillo, clic in fuga, e lui risponde: «Adesso non rompeteci»

Se davvero comanda solo la Rete, se l’emorragia di parlamentari tra espulsi e epurati non preoccupa e se veramente «i voti non contano, bastano i clic», il Movimento 5 Stelle ha di che preoccuparsi. Il blog infatti perde lettori, i visitatori diminuiscono di settimana in settimana: il sito che nel 2006 era il primo in Italia e tra i più popolari in assoluto e che ha permesso a Grillo di finire su Forbes è caduto al 171esimo posto della classifica tra i portali tricolori e al 7495esimo al mondo. Il dato è certificato da Alexa (gruppo Amazon, partner di Google). Un po’ casa e un po’ prigione, di certo molto più che un house organ, Beppegrillo.it detiene funzione di indirizzo politico e controllo del M5S, ne rappresenta l’anima e anche lo shop online vista la mole di libri e dvd promozionali: da qui tutto è nato e automaticamente tutto rischia di crollare. Ecco perché il segnale che arriva dalle analisi del rank inquietano parecchio l’ex comico genovese e la Casaleggio Associati, proprietaria del blog.

 

Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo (Roberto Monaldo / LaPresse)
Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo (Roberto Monaldo / LaPresse)

LEGGI ANCHE Flop Grillo: il leader del M5S cancella tutte le date del tour internazionale

 

BLOG DI GRILLO A PICCO, I NUMERI – La casa brucia, gli utenti scappano, i clic vanno in fumo. Altri istituti internazionali confermano il crollo verticale: secondo Traffic Estimate il blog è passato dai 5 milioni di contatti di giugno ai 2,2 milioni e ogni mese il traffico diminuisce del 55%. La società di rating Calcustat.com ha invece declassato Beppegrillo.it nel gruppo B dei portali più importanti. I dati sono riportati da Stefania Piras sul Messaggero che scrive:

Per Grillo il numero dei clic è sempre stato uno strumento per governare la linea politica dei parlamentari e per raddrizzare gli eletti disubbidenti, una sorta di termometro fedele di quanto succede fuori dagli schermi del pc. […] Sarà facile alzare le spalle di fronte al mare magnum dell’internet che ha ingoiato e digerito la rivoluzione dei clic?

 

BLOG DI GRILLO A PICCO, LA REPLICABeppe Grillo la prende benissimo e dal suo blog replica a Repubblica:

Questo blog ormai non lo legge più nessuno. Secondo Repubblica appena 12.000 persone al giorno, un dato assolutamente plausibile considerati i quasi due milioni di utenti che seguono quotidianamente la pagina Facebook del blog, gli altrettanti che seguono l’account Twitter, le migliaia di condivisioni e centinaia di commenti per ogni post. Per certificare il “crollo” Repubblica si affida ad Alexa, uno strumento web che però non calcola le visite, ma chi glielo spiega ai giornalisti di Repubblica come funziona Alexa?

E ancora:

Forse dovrebbero preoccuparsi visto che tra poco non venderanno più una copia.
Ringraziamo Repubblica per aver certificato la morte del Blog, adesso non rompeteci più le palle con i guadagni milionari del blog propinando altri articoli come “Una pioggia di euro dagli spot sui blog. Ecco la miniera d’oro di Beppe e Casaleggio”.

Poi lancia il tweetstorm:

Ringrazia anche tu Repubblica per aver detto che non esisti! Manda un tweet con scritto #IoNonLeggoRepubblica all’account @repubblicait. Non ne arriverà nessuno.

(Foto di copertina: LaPresse / Roberto Monaldo)