|

Tony Renis e Il Volo: «Li ho lanciati io. Ringraziamenti? Ancora no»

Molto soddisfatto per il successo de Il Volo a Sanremo è il 76enne cantatutore e produttore che li ha lanciati negli Stati Uniti. Parliamo di Tony Renis, che oggi racconta i tre ragazzi trionfatori al Festival in un’intervista rilasciata a Mario Luzzatto Fagiz per Il Corriere della Sera. Renis dice di essere il «papà» artistico del trio e di vedere davanti a Piero Barone, Gianluca Ginoble e Ignazio Boschetto un futuro «radioso». «Io – afferma – sono il papà dei tre componenti de Il Volo, Roberto Cenci, che ebbe l’idea di riunirli, è la mamma».

 

Sanremo 2015 - Serata finale(Foto di Gian Mattia D’Alberto da archivio LaPresse)

 

RENIS SU IL VOLO: «RIMASI FOLGORATO DA LORO. LI HO FATTI DUETTARE CON LADY GAGA» – Si sa – dice Renis al Corriere da Los Angeles – il successo ha mille padri, mentre il fallimento è orfano. Lavorare per cinque anni con loro è stata una delle esperienze più belle sotto l’aspetto umano e professionale. Quando, facendo zapping a Los Angeles, vidi una loro esibizione nel programma “Ti lascio una canzone”, rimasi folgorato. Avevano poco più di 14 anni e voci già formate. E così cercai un contatto. Alla base del successo americano di Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble sta anzitutto il loro talento. Il mio ruolo è stato quello di metterli in contatto con la gente giusta dando loro i giusti consigli per un mercato che conosco bene. Il mio patrimonio personale sono le conoscenze e l’entusiasmo che metto nelle cause che abbraccio. In questo caso prima il mio avvocato e amico fraterno Peter Lopez (scomparso prematuramente) e il contatto con l’etichetta Geffen. Lì credo di aver creato il miracolo. Un contratto milionario sulla base solo di un provino di “‘O sole mio” fatto ascoltare dal mio computer ai grandi capi Jimmy Iovine della Universal e Ron Fair della Geffen. Ma prima avevo stretto rapporti con le belle famiglie dei tre ragazzi che avevano deciso di fidarsi di me. E hanno fatto bene. Io li ho portati da Quincy Jones, li ho fatti duettare con Lady Gaga».

 

LEGGI ANCHE:
Sanremo 2015, la finale. Vince Il Volo, secondo Nek, terza Malika Ayane
Il Volo e la parodia di Grande Amore a Quelli che il calcio
Festival di Sanremo: tutte le polemiche sulla vittoria de Il Volo

 

RENIS SU IL VOLO: «HANNO UN FUTURO RADIOSO. SONO DILIGENTI, NON BEVONO, NON FUMANO» – Infine, a Renis è stato chiesto una commento rispetto all’assenza di una telefonata dei ragazzi. «Non è questo che conta. Conta il futuro. E loro ne hanno uno radioso. I miei meriti non hanno bisogno di essere conclamati, sono nei risultati. Ho la fortuna di far parte di questa squadra di produttori che lavora a Bocelli ed è li che ora devo esprimermi. Certo, il mio pensiero va spesso a questi ragazzi: sono diligenti, studiosi, non bevono, non fumano. Sono dei bravi ragazzi. Prima o poi bisognerà fare un film o un musical su questa bella favola a lieto fine. Naturalmente prodotto da chi li conosce bene. Come me».

(Foto di copertina di Marco Cantile da archivio LaPresse)