|

Svelato il mistero della Superga cilena che cancellò una squadra di calcio

Era sparito sulle Ande 53 anni fa con 24 persone a bordo, lo hanno ritrovato solo ora, ponendo fine a un mistero durato oltre mezzo secolo.

green cross

ANATOMIA DI UNA TRAGEDIA – L’aereo era un DC-3 come quello sudafricano in copertina, a bordo aveva 24 persone, tra le quali 8 giocatori del Green Cross, una delle  squadre più forti e importanti del paese. Tornavano a Santiago dopo aver pareggiato uno a uno in casa dell’Osorno, nel Sud del paese e si divisero su due aerei. Con loro trovarono la morte, in quel 3 aprile del 1961, anche parte dei dirigenti e dei tecnici.

LA SQUADRA NON RIPRESE PIÙ – Dopo la tragedia la squadra giocò la partita di ritorno, perdendola per uno a zero, ma  non riuscì poi a riprendersi e a sopravvivere. La stagione successiva scese in seconda divisione, così la squadra nel 1965 si trasferì nella città di Temuco e si fuse con la squadra locale creando il Deportes Temuco, che sparirà poi definitivamente nel 1984. La tragedia, simile a quella che nel ’49 aveva cancellato il Grande Torino, schiantatosi contro il colle di Superga, commosse profondamente il paese e molti sportivi in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE: Il discutibile monumento dedicato al Grande Torino fa arrabbiare tutti

NO AL TURISMO – Il luogo del ritrovamento, merito di una spedizione mirata di un gruppo di appassionati, si trova a circa 300 chilometri dalla capitale, in un luogo che i membri della spedizione hanno deciso di non rivelare per evitare l’accorrere di turisti e permettere che resti invece il luogo nel quale i resti delle povere vittime hanno già riposato in pace per oltre mezzo secolo.