|

Le 10 cose che fai quando non trovi più il tuo smartphone

Ce l’avevate come sempre in mano, o in tasca, o accanto a voi sulla scrivania. A un tratto vi girate e… puff. Il vostro telefono sembra scomparso nel nulla. Dimenticato da qualche parte per distrazione o rubato da qualcuno? Ed ecco che scatta il panico.

Foto: DIETER NAGL/AFP/Getty Images
Foto: DIETER NAGL/AFP/Getty Images

Non ha molta importanza che lo ritroviate dopo pochi minuti o mai più: come ben sottolinea YourTango il copione è sempre lo stesso, e cominciate ad attraversare fasi che vanno dalla frustrazione alla rassegnazione fino addirittura alla risata che scioglie la tensione…

  • 1. LA NEGAZIONE – «No, no… Era qui fino a un momento fa… Deve essere qui, giusto? Sta soltanto giocando a nascondino…
  • 2. L’ISPEZIONE – Non importa dove tu sia, se in metropolitana, in ufficio o in coda alle Poste: questo è il momento in cui tiri fuori tutto quello che hai nella borsa, nello zaino e nelle tasche – appoggiando tutta la tua mercanzia dive capita – per metterti alla ricerca del telefono, che sembra essere stato inghiottito da un buco nero.
perdere lo smartphone 3
Foto: Thinkstock
  • 3. I PRIMI CENNI DI PANICO – Niente, il tuo smartphone non salta fuori. Cominci a temere il peggio, passando mentalmente in rassegna tutto quello che potresti aver perso: le foto delle vacanze, i tuoi contatti, i video che hai fatto al tuo gattino. Ci tieni maledettamente, a quei video.
  • 4. LA FRUSTRAZIONE – È un attimo, rapido e impetuoso: quello che ti fa sbottare in un indignato: «Ma perché tutte a meeee?» Ormai sei convito/a di averlo perso per sempre, con tutto ciò che conteneva.
Foto: Thinkstock
Foto: Thinkstock
  • 5. «MA IO DEVO TROVARLO!» – È generalmente il momento in cui cerchi di mettere da parte il panico e di pensare lucidamente. È un telefono, non può essersene andato via sulle sue gambe. Le ipotesi sono tre: a) l’hai perso, b) l’hai messo in un posto che non ricordi, c) te lo hanno rubato.

LEGGI ANCHE: Nevica: 10 cose che sicuramente troverai su Facebook

 

  • 6. LE INDAGINI – Cominci a chiedere ai tuoi colleghi: “Scusa, per caso hai visto il mio telefono?”, più sospettosamente, mentre ero al bagno qualcuno si è avvicinato alla mia scrivania? Tendi di raccogliere indizi. Se sei in un luogo pubblico, chiederai ai dei perfetti sconosciuti di aiutarti a cercare il tuo prezioso smartphone.
Kevin Frayer/Getty Images
Foto: Kevin Frayer/Getty Images
  • 7. IL MOMENTO DELLA CONSAPEVOLEZZA – «Ok – ti dici – non c’è  più. Piangerò tutta la notte e poi cercherò di superare questo lutto»
  • 8. L’HACKER – Ormai sei convinto che qualcuno te lo abbia rubato A quel punto ti ricordi della funzione di localizzazione del telefono, che ti permette di tracciarne ogni movimento. Mediti di scovare il “ladro” e di presentarti sotto casa sua.
  • 9. IL MOMENTO “LA VOLPE E L’UVA” – «Tanto dovevo già cambiarlo: la batteria durava poco e non avevo più spazio a sufficienza. Ah, e non avevo nemmeno fatto gli ultimi aggiornamenti quindi era lentissimo»
Foto: Thinkstock
Foto: Thinkstock
  • 10. GUARDI IL LATO POSITIVO – «Niente smartphone. Quindi niente mail del capo, niente inviti per giocare a Candy Crush, niente notifiche da Whatsapp. Non è poi così male».

Ed è a questo punto che, solitamente, il telefono salta fuori dalla tasca interna della giacca, o fa capolino dalla fodera della borsa…

(Photocredit copertina: Thinkstock)