|

Maratona di Roma 2015, ecco il percorso

Maratona di Roma 2015, il percorso viene svelato a poco più di due mesi dall’evento dagli organizzatori della ventunesima edizione. Atleti e addetti ai lavori hanno giudicato il tracciato come uno dei più affascinanti e suggestivi al mondo, oltre che uno dei più partecipati. Nella scorsa edizione hanno tagliato il traguardo 14.875 runners provenienti da 102 nazioni. Una cifra record.

IL PERCORSO – La maratona inizierà e terminerà su via dei Fori Imperiali, all’altezza del Foro di Traiano e del Campidoglio, con la partenza in direzione di Piazza Venezia, lasciandosi il Colosseo alle spalle, e l’arrivo invece con Piazza Venezia alle spalle e il Colosseo di fronte. Come da tradizione si transiterà in via della Conciliazione, con vista della Basilica di San Pietro. Confermati invece, come nel 2014, i passaggi nuovi: quelli sul Ponte Settimia Spizzichino, nel Traforo Umberto I, in via Nazionale e Largo Magnanapoli, con a destra, sullo sfondo, il Quirinale. Sono previsti 77 cambi di direzione, nessuna curva a gomito, e il passaggio di mezza maratona coincide con via della Giuliana.

Leggi anche:

“FIORE ALL’OCCHIELLO” – «La Maratona di Roma è un fiore all’occhiello della nostra città – afferma il neoassessore allo Sport di Roma Capitale Paolo Masini – e quest’anno ci rende ancora più orgogliosi. Per la prima volta in 20 anni, infatti, siamo in grado di annunciare il tracciato con un anticipo di oltre due mesi, e questo grazie allo sforzo congiunto e alla collaborazione tra gli organizzatori, gli uffici di Roma Capitale, gli sponsor e tutte le realtà coinvolte in questo grande evento cittadino e internazionale. La Maratona, con il suo ‘fiume’ di corridori e sportivi, appassionati, famiglie, ragazzi e volontari attraverserà anche quest’anno gli scenari più suggestivi della nostra città, diffondendo tra le vie e le piazze della Capitale i valori di una sana competizione, come parte integrante di quel percorso di rilancio dello sport di base che abbiamo in programma per il 2015. Il 22 marzo -ne è sicuro Masini- sarà una grande giornata di partecipazione».