|

L’epic fail di Greenpeace che rovina le linee di Nazca

Gli attivisti di Greepeace volevano mandare un messaggio ai leader riuniti a Lima per un vertice sul clima sotto l’egida dell’ONU, ma la loro azione ha procurato un danno a un sito censito dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità e fatto infuriare i peruviani.

Il messaggio di Greenpeace accanto alle linee di Nazca
Il messaggio di Greenpeace accanto alle linee di Nazca

GREENPEACE RICONOSCE L’ERRORE – Le scuse di Greenpeace sono arrivate senza riserva, l’associazione si è scusata con il governo e i cittadini peruviani dicendosi profondamente dispiaciuta, definendo l’azione dei suoi attivisti come incauta e grossolana e dicendosi pronta ad assumersi le proprie responsabilità e a cooperare a un’eventuale inchiesta a suo carico. L’associazione annuncia anche che il Dr Kumi Niadoo, International Executive Director of Greenpeace, si recherà personalmente in Perù per scusarsi di persona e per prendere contatto con le autorità peruviane. L’associazione ha fatto anche sapere che smetterà immediatamente di utilizzare le immagini realizzate nel corso della fallimentare azione.

I PERUVIANI ARRABBIATI – Per conto loro le autorità peruviane erano già andate su tutte le furie annunciando un’inchiesta penale, perché oltre al danno c’è il fatto che la zona è off limit e accessibile solo con uno speciale permesso, proprio per preservare le fragilissime immagini. Le linee di Nazca (13.000 linee che formano più di 800 disegni sono state infatti tracciate portando alla luce il colore del suolo dell’area, molto chiaro, coperto dallo strato superficiale di pietre e polveri scurite dall’ossidazione e dagli agenti atmosferici nei secoli.

LEGGI ANCHE: L’intervista che rivela i momenti dell’attentato francese alla nave di Greenpeace

IL DANNO A NAZCA – L’azione degli attivisti di Greenpeace ha chiaramente «schiarito» una vasta zona dell’altipiano desertico accanto a uno dei disegni più noti, quello che rappresenta un usignolo. È bastato camminarci sopra senza le speciali coperture che indossano i rari visitatori ammessi al sito e ora il danno è chiaramente visibile dall’alto. Un danno notevole, anche perché le linee di Nazca hanno la particolarità di poter essere apprezzate solo dall’alto, i loro autori infatti le hanno tracciate su questa enorme lavagna naturale con dimensioni tali che dal livello del suolo non è possibile comprendere cosa rappresentino.