|

Teatro dell’Opera: firmato l’accordo per evitare i licenziamenti

Accordo raggiunto nella notte tra il Teatro dell’Opera di Roma e i sindacati circa il risanamento e il rilancio dell’Ente: evitato il licenziamento dei 180 membri di orchestra e coro. L’intesa è stata sottoscritta da tutti e sette i sindacati e il 24 novembre sarà sul tavolo del Cda della Fondazione: l’incontro tra il direttore delle Risorse umane del Teatro e le sigle sindacali era iniziato ieri pomeriggio ed è andato avanti a oltranza, fino alla stretta di mano.

Previsti risparmi per 3 milioni di euro e l’impegno a non scioperare sui temi dell’accordo. Una parte degli stipendi accessori di tutti i lavoratori del Teatro dell’Opera, musicisti e tecnici, sarà congelata negli anni 2015-2016. Se si dovesse raggiungere il pareggio di bilancio, gli stipendi verrebbero recuperati. «Sono contento perché siamo riusciti a salvare 180 posti di lavoro – ha commentato Paolo Terrinoni della Cisl – ma c’è il rammarico di aver firmato un accordo quando a luglio era stato firmato un piano di risanamento che avrebbe consentito di non togliere nemmeno un euro ai lavoratori».