|

Raffaella Carrà “scarica” Lorella Cuccarini. Ed è subito catfight

È una Lorella Cuccarini delusa ma che non perde l’aplomb quella che, con un post sul proprio sito ufficiale, rivela i retroscena della sua esclusione dal cast di Forte Forte Forte, il nuovo talent show di Raffaella Carrà che debutterà su Rai1 a gennaio. La “più amata dagli italiani” racconta quanto accaduto non senza qualche reticenza, ma decisa a far sapere pubblicamente il trattamento ricevuto:

[…] io so di avere tutto da perdere, ma ho deciso di parlare perché credo sia arrivato il momento di segnalare, pubblicamente, l’imbarbarimento a cui siamo arrivati. Ormai da tempo non ci sono più regole. Non ci si può fidare di nessuno.
Parlo ora e poi… volto pagina.

lorellacuccarini.it
Click sull’immagine per ingrandire – lorellacuccarini.it

LORELLA CUCCARINI SCARICATA DA RAFFAELLA CARRÀ – Lorella racconta di essere stata contattata un paio di mesi fa dalla Carrà che, dopo averla coperta di lodi, le ha proposto di diventare giudice del suo nuovo programma, che non cita con il titolo ma che tagga in coda al post.

All’inizio di settembre, sono stata chiamata da Raffaella Carrà. Non mi sono trovata ad un incontro formale come tanti ma di fronte ad una vera e propria dichiarazione d’amore. Raffaella ha avuto per me parole splendide. Insomma, un appuntamento dal quale sono uscita con l’idea di iniziare un’entusiasmante avventura insieme, nel suo nuovo programma.
La trattativa con la Rai si chiude in tempi brevissimi e, sulla base degli impegni presi, programmo il lavoro a teatro con Rapunzel solo al Brancaccio.
Nelle scorse settimane, sono stata ripetutamente citata e confermata come giudice, su molte testate cartacee e on line.

 

«NON UNA PAROLA DA RAFFAELLA» – Tutti sembrava andare per il meglio, con Lorella pronta a vestire i panni della giudice di nuovi talenti televisivi. Poi, il brusco stop:

Per serietà, non ho mai rilasciato dichiarazioni in merito perché ritenevo opportuno fosse Raffaella la prima a dare la comunicazione ufficiale. Che non è arrivata. Anzi. Qualche giorno fa, Bibi Ballandi ha riferito al mio manager Lucio Presta che ci sono stati dei ripensamenti. Ballandi. Non una parola da parte di Raffaella. Non una spiegazione.

 

LEGGI ANCHE: Morgan lascia X Factor 8 in diretta. “E’ per sempre”

 

«LONTANA DALLA CARRÀ PER TRENT’ANNI» – Un comportamento, da parte della Raffaella nazionale, che Lorella non riesce proprio a digerire, nonostante mantenga la propria signorilità e si dica amareggiata non tanto per essere stata scaricata senza una spiegazione, ma per il fatto di aver subito uno “smacco” tale proprio da colei che considerava quasi un idolo:

Provo una profonda amarezza. Soprattutto perché la responsabile di tutto questo è uno dei personaggi che ho più amato nella mia infanzia e nella mia vita professionale. Il personaggio, appunto. La persona non la conoscevo affatto.
In trent’anni di carriera non l’avevo mai incontrata. Ne starò molto lontana anche per i prossimi trenta.
Buona fortuna Raffaella!
Lorella

LE SCUSE DELLA CARRÀ – «Volevo fortemente Lorella Cuccarini -dice Raffaella- come giudice nel nostro programma perché la stimo e per me è una straordinaria e completa showgirl, una autentica rarità nel panorama televisivo italiano. Nel tempo e nel corso delle riunioni è cambiato lo stile della giuria del talent show. Ho sbagliato a non chiamare personalmente Lorella e spiegarle direttamente cosa fosse successo; comunicazione che è invece avvenuta subito tra la produzione ed il suo agente. Mi dispiace profondamente di non aver fatto questo gesto, anche se ero presa da mille cose avrei dovuto farlo e per questo le chiedo scusa in ritardo», sottolinea. Poi conclude: «Non ho letto le sue parole perché mi avrebbero ferito tanto e trovo giusto che si sia profondamente offesa. Ora è tardi ma vorrei che almeno credesse alla mia buona fede: non mi sono divertita a incontrarla per poi non averla come compagna di lavoro. Le auguro il più grande dei successi in teatro e spero mi saluti, se dovessimo incontrarci».

 

 

(Photocredit copertina: LaPresse/Claudio Bernardi  e LaPresse/Omar Abd el Naser )