|

Keep calm and Carrie on: di Sex & the City e della panacea di tutti i mali (d’amore)

6 stagioni, 94 episodi, 4 protagoniste ed un numero imprecisato di uomini, scarpe, scorci di Manhattan, doppi sensi e sigarette.
In Sex and the City si vede e si vive New York come solo un vero Yankee saprebbe fare, si parla di amore e di sesso come nessuno aveva mai fatto prima, uomini esclusi ovviamente.
Senza censurare emozioni, strategie, tattiche o posizioni di piacere, si seguono crescite, evoluzioni ed involuzioni di Carrie, Samantha, Miranda e Charlotte, le sue quattro protagoniste, ognuna a modo suo alla ricerca dell’amore “totale, ridicolo, scomodo, spossante, che consuma e non fa pensare ad altro”.
Alla guida di questo tour emotivo, attraverso la giungla di sentimenti e malizia, il turbinio di odori, espressioni e mode che solo i marciapiedi di New York sanno regalare, Carrie Bradshaw “vestita da capo a piedi d’amore” e di Chanel.
Dal punto di vista di Food Affair la triste realtà è, però, che in Sex and the City non si cucina (mai) o si mangia (poco).
In compenso si chiacchiera, si vive la notte della città che non dorme mai ed i suoi giorni di caldissimo sole, neve o sferzate di vento, si incontrano persone, il più delle volte uomini sbagliati, si esce con questi uomini indossando outfit iper modaioli, spesso difficilmente riproponibili, si comprano scarpe, si fanno “Big mistakes”, si amano le proprie amiche, ognuna perfetta nelle sue imperfezioni, e si beve Cosmopolitan.

“I’d like a cheeseburger, large fries and a Cosmopolitan please”

Il Cosmo, rigorosamente servito in una doppia coppa Martini, rappresenta per le quattro ragazze un vero e proprio cocktail feticcio, la panacea di ogni male, amore compreso, aiutandole a ritrovarsi, confidarsi ed a “correggere”, in tutti i sensi, ciò che non va.
La nascita di questo grande classico americano si perde nell’alba dei tempi, tanto che non è possibile determinare con assoluta certezza né chi l’abbia creato né l’epoca a cui risalga.
Quel che è certo è che negli anni ‘80, con il perfezionamento della ricetta originaria, da drink decisamente dolciastro e tanto, troppo, rosso, il Cosmopolitan diventa un sour perfetto per l’aperitivo.
Sarebbe riduttivo considerarlo un cocktail prettamente femminile ed è per questo che con la ricetta del Cosmopolitan allo zenzero, che trovate di seguito, sfidiamo anche l’uomo più virile a resistervi!

ricetta cosmo

Fate raffreddare in frigo la coppa Martini e nel frattempo tagliate a pezzetti la radice di zenzero.
Mettete lo zenzero, la vodka ed il cointreau all’interno dello shaker e mescolate con l’aiuto di un pestello o di un cucchiaio di legno.
Aggiungete poi il succo di mirtillo e quello di lime, riempite lo shaker di ghiaccio per circa ¾ della sua capienza ed agitatelo per 30 secondi.
Filtrate e versate nella coppa Martini, guarnendo a piacere con una fettina di lime.
Se la vita si fa più amara abbondate di mirtillo, per rendere il Cosmopolitan più dolce, o di vodka per far sì che sia tutto, decisamente, più “roseo”.
Come se foste i protagonisti di una favola moderna nella città che non dorme mai ma che ti lascia sognare, in grande.

DSC_1372