|

Anche J-Ax “contro” Suor Cristina: «Su Like a Virgin sono d’accordo con i vescovi»

«È come se facessi io l’Ave Maria cantata da J-Ax. È ovvio che fa scalpore e penso che sia stato anche cercato. Se fossi stato io avrei scelto un pezzo diverso, su questo mi trovo un po’ in linea con i vescovi». E dopo i fedeli e i vescovi, anche J-Ax. Il rapper milanese, che di Suor Cristina Scuccia era stato il coach durante l’avventura di The Voice of Italy, sembra poco convinto dalla scelta musicale di Suor Cristina, che da un paio di settimane sta facendo discutere il mondo intero, compreso quello ecclesiastico, per via della sua cover di Like a Virgin, singolo di debutto che precede l’uscita del suo album.

 

Suor Cristina Scuccia e J-Ax a The Voice of Italy - Foto: Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
Suor Cristina Scuccia e J-Ax a The Voice of Italy – Foto: Gian Mattia D’Alberto/LaPresse

 

J-AX SU SUOR CRISTINA: «AVREI SCELTO UN ALTRO PEZZO» –  Intervistato da Adnkronos a margine del Salone dell’Innovazione Musicale di Bari, J-Ax è sembrato perplesso. Non tanto per la decisione di Suor Cristina di lanciarsi nel mercato musicale, ma proprio per la scelta – da lei quasi orgogliosamente “rivendicata” – della canzone di Madonna già a suo tempo controversa e considerata scandalosa. E il fatto che la stessa suor Cristina abbia più volte spiegato che la sua re-interpretazione vuole mettere in luce «la capacità dell’amore di cambiare le persone» non sembra convincere proprio tutti. A parte la stessa Madonna che, le ha dedicato un endorsement notevole, presentandola ai suoi milioni di fan e follower sul web.

 

 

LEGGI ANCHE: «Suor Cristina che canta Like a Virgin offende la Madonna»

 

«SUOR CRISTINA? HA TUTTO IL MIO APPOGGIO» – Ma, dell’esordio discografico di Suor Cristina, J-Ax non boccia proprio tutto: «Do tutto il mio appoggio a Suor Cristina perché lei ha fatto due cose importanti, che hanno lasciati muti tutti quelli che dicevano male di lei. Una è che si è tenuta l’abito e ha rinnovato i voti. In più  – prosegue il cantante – ha fatto voto di povertà. Quindi lei di questo disco non ci guadagna niente, è tutto in beneficenza, per questo non vedo cosa si può criticare di Suor Cristina. Un’altra cosa che dicevano è che sarebbe scomparsa: in Italia non ho mai sentito il suo pezzo in radio, ma i miei parenti americani mi hanno chiamato dicendo che avevo visto e sentito il suo pezzo, come in Inghilterra, in Germania e in Svezia».

(Photocredit copertina: YouTube / sistercristinaVEVO)