|

I 10 campanelli d’allarme per capire se il tuo partner ti tradisce

Trascorre molto più tempo del solito in ufficio ed esce più spesso con gli amici. O, almeno, questo è quello che dice a te. E se invece ti stesse tradendo? Secondo un sondaggio condotto da Victoria Milan, il sito d’incontri riservato a chi è un cerca di una scappatella, frasi come come “ho del lavoro arretrato” o “esco con i miei amici” sono le giustificazioni più diffuse da chi ha appena iniziato una relazione parallela a quella di coppia. Ma si tratta di scuse ormai trite e ritrite, che i partner fedifraghi più “esperti” evitano accuratamente per evitare di farsi scoprire.

Photocredit: Thinkstock
Photocredit: Thinkstock

FA SEMPRE SPARIRE IL SUO SMARTPHONE? – Victoria Milan ha intervistato 8.452 “infedeli” che abitualmente usano il sito, chiedendo loro di dare qualche saggio consiglio a chi tradisce per le prime volte e di condividere con loro i trucchi del mestiere del traditore esperto. Secondo i “guru del tradimento”, quindi, chi tradisce mette in atto – forse quasi inconsapevolmente – comportamenti “rivelatori” che un partner attento potrebbe leggere come un chiaro segnale di “corna in corso”. Qualche esempio? Il tuo partner ti tratta con affetto ma evita di fare l’amore con te e, sopratutto, custodisce gelosamente il proprio smartphone in modo che nessuno metterci le mani sopra. 

Scopri tutti gli “errori” che può commettere il tuo partner per coprire il tradimento: 

 

LEGGI ANCHE: E se la tua migliore amica avesse già messo gli occhi su tuo marito?

 

PER NON FARSI SCOPRIRE… – «Questa lista di errori da non commettere è il Santo Graal degli infedeli della rete: vere perle di saggezza collaudate dai professionisti del settore e destinate a chi, per la prima volta, vuole evadere dal rapporto di coppia per concedersi una scappatella – afferma Sigurd Vedal, fondatore e amministratore del sito – Noi di Victoria Milan assicuriamo ai nostri utenti il 100% della discrezione in rete. Il resto è nelle mani del traditore che deve badare a non farsi scoprire nella vita di tutti i giorni». 

(Photocredit copertina: Thinkstock)