|

Terni, Renzi incontra Landini a Palazzo Chigi

Matteo Renzi ha incontrato Maurizio Landini e una delegazione della Fiom e degli altri sindacati a Palazzo Chigi. Così informano le agenzie di stampa e anche Filippo Sensi, addetto stampa di Matteo Renzi, attraverso i social network. L’incontro si è concluso da pochi minuti.

RENZI E LANDINI AL TAVOLO – Al tavolo, scrivono le agenzie, ci sono “i sottosegretari Graziano Delrio e Teresa Bellanova e i segretari Fiom, Fim e Uilm, Rappa, Farina, Bentivogli e Ghini” oltre ovviamente a Matteo Renzi e al ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi.

Al tavolo di confronto #cosedilavoro

Una foto pubblicata da Nomfup (@nomfup) in data

L’incontro è stato convocato per discutere della vertenza della Thyssenkrupp di Terni, la stessa che ha portato in piazza gli operai ieri. Si apprende che durante l’incontro Matteo Renzi avrebbe tentato di smorzare i toni: “La vertenza della Ast di Terni “va separata dal confronto politico. Voglio un confronto serio e nel merito, non consentirò di strumentalizzare Terni. L’imperativo morale è chiudere la vicenda. Le discussioni politiche le lasciamo fuori da qui”, ha proseguito Renzi. Al termine dell’incontro, in conferenza stampa, Maurizio Landini si è detto moderatamente soddisfatto dei risultati dell’incontro: “Abbiamo dato la nostra disponibilità a riprendere una trattativa. Abbiamo valutato positivamente le novità introdotte, abbiamo chiesto che l’azienda confermi le cose dette al governo”, ha detto il segretario della Fiom, al contempo però sottolineando come “quella scritta ieri è una brutta pagina che non si deve ripetere”. Oggi Susanna Camusso, intervistata da Radio Anch’io, è tornata sulla giornata di ieri: “Il premier dovrebbe provare ad abbassare i manganelli dell’ordine pubblico. Le cariche agli operai sono un segnale pericoloso per la situazione economica di grande difficoltà”.