|

Addio a Elizabeth Norment, la segretaria di “House of Cards”

Elizabeth Norment, nota agli appassionati di serie tv americane per il suo ruolo nel thriller politico House of Cards, è morta all’età di 61 anni. A renderlo noto è stata la sorella dell’attrice, Kate Norment: il decesso è avvenuto lo scorso 13 ottobre, ma la notizia è stata diffusa soltanto nelle ore scorse. La Norment era ricoverata presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York, ma non sono state fornite ulteriori informazioni sulle cause esatte della morte. 

Foto via: IMDb.com
Foto via: IMDb.com

ELIZABETH NORMENT È MORTA: L’ADDIO DI KEVIN SPACEY – Il suo ruolo più recente e più famoso è quello di Nancy Kaufberger, la fedele segretaria di Frank Underwood, protagonista di House of Cards, la serie tv prodotta da Netflix particolarmente apprezzata anche dal pubblico italiano. Ed è proprio Kevin Spacey – il Frank Underwood della serie – che ricorda Elizabeth Norment con un tweet: «RIP Elizabeth Normen. Tutti le volevamo bene e lascerà un grande vuoto in tutti noi di House of Cards».

 

ELIZABETH NORMENT È MORTA: «ERA UNA BUONA AMICA PER TUTTI NOI» – Il The Hollywood Reporter, che per primo ha diffuso la notizia della morte dell’attrice, riporta anche le parole di Beau Willimon, creatore della serie: «Siamo tutti molto dispiaciuti per la morte di Elizabeth. Era un’attrice di talento, una brava persona e una buona amica per tutti noi».

 

LEGGI ANCHE: Boulevard, l’ultimo film di Robin Williams che forse non vedremo al cinema

 

ELIZABETH NORMENT È MORTA: ATTRICE IN TV E IN TEATRO  – Prima di entrare a far parte del cast di House Of Cards, Elizabeth Norment aveva recitato in tre episodi di Law & Order, nel ruolo del giudice Arlene Brewer, ed era apparsa in numerose serie televisive come Cinque in famiglia e E.R. – Medici in prima linea. La Norment ha recitato a lungo anche in teatro: tra i suoi lavori vanno ricordati Beethoven’s Tenth con Peter Ustinov, e negli adattamenti delle opere shakespeariane Come vi pare e Molto rumore per nulla.

(Photocredit copertina: YouTube/Los Angeles Morgue Files)