|

L’Ebola, il leghista Buonanno e le multe da 500 euro per gli africani

Contrastare il virus Ebola a colpi di multe da 500 euro agli africani. È la bizzarra strategia scelta dall’europarlamentare della Lega Nord Gianluca Buonanno nella veste di sindaco di Borgosesia. Nel comune del Vercellese la scorsa settimana il primo cittadino, ex deputato, ha firmato «un’ordinanza a tutela della salute pubblica per fronteggiare l’emergenza della diffusione del virus Ebola» nella quale si stabilisce che dovranno essere effettuati controlli sanitari «tutti i cittadini provenienti da Guinea, Liberia e Sierra Leone presente nel comune di Borgosesia o che qui vi giungeranno».

 

Gianluca Buonanno protesta durante il dibattito  con Matteo Renzi

 

INFORMARE I VIGILI E CONSEGNARE CERTIFICATO MEDICO – Ne parla Andrea Giambartolomei sul Fatto Quotidiano. In sostanza il provvedimento stabilisce che chi parte verso l’Africa deve prima informare la polizia municipale e, una volta tornato nel comune di origine, presentare un certificato medico. L’ordinanza è stata inviata anche alle Asl «affinché si adoperino per porre in maniera efficace controlli sanitari adeguati ed idonei». Prevista ovviamente anche la sanzione. Chi non rispetterà il provvedimento riceverà una multa di 500 euro, verrà poi segnalato «all’autorità competente per l’avvio della procedura di allontanamento dal territorio comunale» e, inoltre, non potrà usufruire dei benefici erogati dal Comune. Ma guai a parlare di scelta eccessiva. Al Fatto Quotidiano Buonanno ha dichiarato: «Abbiamo 500 e passa cittadini africani. Non è un fatto di rompere le scatole e di razzismo, non è una cosa cattiva».

(Foto di Roberto Monaldo da archivio LaPresse)