La Mussolini nuda che critica le donne nude

Oggi Aldo Grasso sfotte un po’ la ducessa per il Grande Fratello

Che ci fa Alessandra Mussolini al Grande Fratello? La domanda se la pone il critico televisivo del Corriere Aldo Grasso, il quale poi ricorda che la nipote del Duce è arrivata da quelle parti per dire la sua su una concorrente che somiglierebbe a Sophia Loren, di cui Alessandra è sempre parente. E lei ci sta e gliene dice quattro:

«Ho sentito dire che una concorrente vuol somigliare a Sofia Loren, come si dice a Napoli: “Ce piacesse, non somiglia a mia zia, piuttosto a Penelope Cruz e Vladimir Luxuria”». E poi: «Mi sono stancata di tutte queste esposizioni del corpo e centimetri al vento. Il tuo lavoro è il tuo lavoro, ma quando si hanno dei figli, èmeglio non stare sempre nuda, mettiti qualcosa addosso quando cucini». Predica finale: «Dico ai ragazzi della Casa che se lei si spoglia e fa questi spettacoli è perché ci sono tanti imbecilloni come voi che le vanno a vedere, voi maschi non dovete giudicare, anche voi siete sempre ignudi. Comunque mi piacete tutti».

E Aldo Grasso prova l’operazione verità:

L’onorevole, che adesso fa la morale dal confessionale del GF, di esposizioni del corpo se ne intende. Che dire di una sua memorabile scena in cui si toglie il reggiseno nel film tv Ferragosto Ok di Sergio Martino (1987) senza poter accampare ragioni artistiche? È un piccolo capolavoro trash post vanziniano. E la galleria di immagini pubblicata da Playboy, agosto 1983? Scherzi della redenzione, ma ognuno è libero di dire quello che vuole, non siamo qui per fare la morale. L’aspetto più sordamente interessante è un altro. Ormai la linea che divide il GF dal nostro Parlamento è molto sottile: stesse chiacchiere, stessa inconcludenza, stesso meccanismo di nomination. L’Italia affonda e i politici fanno i pavoni in tv.

Chissà se ancora qualcuno se le ricorda, ‘ste cose.