|

Isis lapida una donna per adulterio

L’Isis ha diffuso sui suoi canali di comunicazione sui social network un video dove si assiste alla lapidazione di una donna, colpevole di aver avuto un rapporto sessuale extramatrimoniale. Il filmato è stato ripreso nella provincia siriana di Hama, e testimonia la feroce applicazione della Shiara imposta dagli islamisti. Nel video si può vedere come il padre della donna partecipi alla lapidazione della figlia.

ISIS E LA LAPIDAZIONE PER ADULTERIO – Il messaggio barbarico dell’Isis è confermato dall’ultimo video diffuso sui social network dai sostenitori del califfato di al-Baghdadi. Nella provincia siriana di Hama è stata lapidata una donna perché colpevole di aver tradito il proprio marito, con una relazione extraconiugale scoperta dai miliziani jihadisti. L’Isis, che ha deciso di applicare la versione più cruenta della Sharia nei territori conquistati, ha scelto la lapidazione come condanna per l’adulterio. Nel video si può assistere al dialogo tra i terroristi islamici e la condannata a morte, a cui viene detto di gioire visto che la sua morte sarà da esempio per le altre donne. Nel filmato il jihadista rimarca alla donna come ora la sua scelta di fare sesso con un uomo al di fuori del matrimonio l’abbia condotta alla morte, perché questa è la volontà di Dio. Il miliziano dell’Isis chiede alla donna che sta per esser lapidata se sia d’accordo con la volontà di Allah, e lei annuisce con il volto.

ISIS E LA LAPIDAZIONE DEL PADRE – Tra gli assassini responsabili della lapidazione c’è anche il padre della donna condannata a morte per adulterio. Nel video l’uomo lega la figlia e la porta davanti alla fossa dove viene successivamente lapidata a morte. La figlia chiede al padre di perdonarlo, ma l’uomo dice ripetutamente no. «Il mio cuore non mi ubbidisce, ma forse Allah ti perdonerà» scandisce il padre furibondo con la figlia. Gli islamisti però lo convincono a perdonare la figlia, che ora subirà la volontà divina, perchè così prescrive la religione. Il padre, seppure controvoglia, afferma che la perdonerà. La figlia chiede allora di pregare per lei, ma lui rifiuta e la conduce al luogo della lapidazione, trascinandola dopo averle legato una corda alla vita. Un gruppo di uomini iniziano a tirare le pietre contro le donne esclamando come ciò avvenga nel nome di Dio, e anche il padre della donna partecipa alla lapidazione. L’Isis afferma che la lapidazione per adulterio sia la punizione prevista dalla parola del profeta Maometto, ma questa interpretazione è molto controversa. La versione del Corano attualmente diffusa nel mondo islamico non prevede questa punizione per l’adulterio.

Photo credit: Youtube/MailDailyNews

TAG: ISIS