|

La nuova baby-violenza dei bulli che vogliono solo finire in Tv

Bullismo, pestaggi, violenza gratuita: dopo il caso del 14enne violentato a Napoli con un getto di aria compressa, si fa il punto della situazione sui nuovi episodi di violenza in giro per l’Italia, compiuti sopratutto fra i giovani e i giovanissimi e sempre più spesso senza alcuna motivazione non solo razionale, ma anche solo ideologica: nessun razzismo, nessun fondamentalismo, nemmeno motivazioni economiche come uno scippo o una rapina. Solo la voglia di fare del male agli altri per passare una serata un po’ diversa.

LA GANG ROMANA – “Oh ma stasera se se n’annamo ar centro? C’avemo 10 euro se ‘mbriacamo come merde a Campo dei Fiori”, dice uno dei quattro membri della gang di Roma Nord che all’inizio del mese ha seminato il panico fra la Balduina e Monte Mario. Lo scorso 3 ottobre nel giro di una notte sono stati aggrediti a Roma Nord due ignari cittadini, uno di 28 anni che era sceso solo a far passeggiare il cane , mandato al pronto soccorso in codice rosso; due ore prima, un 32enne massacrato a colpi di crick e chiave inglese davanti agli occhi della fidanzata, ancora una volta, senza nessun perché. Alex Ciccolini è il nome del 21enne che sarà fermato per queste aggressioni, già noto alle forze dell’ordine per una rapina a Viterbo: “Porca troia questa settimana è stata la svolta della mia vita (…) So’ diventato famoso, avrai anche tu sentito parlare di me. Ci hanno ripreso: scrivi al computer ‘aggressione Monte Mario Balduina”, dice al telefono ad una sua amica, riportato dal Fatto Quotidiano. Secondo il Giudice delle Indagini preliminari, un  soggetto pericoloso “proprio perché inconsapevole”.

GLI ALTRI GIOCHI DI VIOLENZA – Solo l’ultimo dicevamo degli episodi di violenza che coinvolgono giovani e giovanissimi. Come i knockout game di Pisa: un 34enne bengalese ammazzato da un giovane sotto effetto di alcool e di droghe. “La modalità è semplice”, dice il Fatto, “una buona dose di alcol e droghe e poi in strada a picchiare qualcuno. la prima persona che passa, chiunque possa trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato”. Un pugno fortissimo e si fa a gara chi riesce ad ammazzare in questo modo. A Milano una banda che scimmiotta i killer sudamericani della Mara Salvatrucha si presenta dicendo che “sta ammazzando, l’Italia invadendo, con l’intelligenza ci stiamo espandendo, la Lombardia in un inferno stiamo avvolgendo”; tre minorenni ragazzi estorcono anche solo “50 euro” ad un coetaneo italiano utilizzando un pitbull e bande di giovanissimi giocano a controllare il territorio “facendo il verso alla grande criminalità organizzata”. E poi, quanto accaduto al ragazzo quattordicenne di Napoli violentato dal 24enne Vincenzo Iacolare, quello che secondo la suocera stava “solo scherzando”. “Guarda il soffitto”, dice la mamma parlando al Fatto Quotidiano, “non parla di quanto gli è accaduto. Forse non ricorda nemmeno, si è chiuso in un mutismo per lui inusuale”, racconta la madre: il ragazzo porterà con se il trauma per tutta la vita.