|

Perché a ottobre ci sono ancora le zanzare? (E come catturarle)

Ma alla metà di ottobre le zanzare non dovrebbero già essere sparite da un pezzo? In questi giorni se lo stanno chiedendo in molti, esasperati dai fastidiosi insetti che, se ad agosto vengono quasi tollerati come “un trascurabile effetto collaterale dell’estate”, in autunno diventano improvvisamente più molesti delle dieci piaghe d’Egitto messe insieme. In effetti vien da chiedersi come mai quest’anno non abbiano ancora tolto il disturbo, rimanendo a ronzare in case, uffici e parchi di mezza Italia.

(Foto: JOHAN ORDONEZ/AFP/Getty Images)
(Foto: JOHAN ORDONEZ/AFP/Getty Images)

ZANZARE: PERCHÉ CI SONO ANCHE A OTTOBRE – Non è la prima volta che si verifica una situazione del genere, e le cause di questa tardiva “invasione delle zanzare” vanno ricercate nelle particolari condizioni climatiche che hanno caratterizzato gli ultimi mesi. Dopo un’estate fresca e particolarmente piovosa, sopratutto nelle regioni del Centro-Nord, settembre è stato un mese caldo e umido e anche ottobre sta registrando quasi in tutta la penisola temperature di qualche grado al di sopra della media stagionale. Tanto per fare un esempio, nel pomeriggio del 17 ottobre a Milano c’erano 24 gradi, 23 a Torino e 26 a Roma, con un tasso di umidità superiore al 60% che favorisce la proliferazione delle zanzare. In più, le piogge dei giorni scorsi hanno creato numerosi ristagni d’acqua in giro per le città: l’habitat ideale per questi insetti che semplicemente, si trovano a casa propria anche se il calendario vorrebbe che fossero già sparite.

 

LEGGI ANCHE: Otto bufale sulle zanzare che ti fregano da anni

 

ZANZARE IN AUTUNNO: ECCO PERCHÉ – Oltretutto, a restare a farci compagnia è sopratutto la Aedes albopictus, meglio conosciuta come “zanzara tigre” per via delle striature bianche ben visibili sul corpo e sulle zampe. A differenza delle sue parenti europee la zanzara tigre – arrivata in Italia dall’Asia negli anni Novanta – riesce a svilupparsi e riprodursi anche senza bisogno di molta acqua: basta una pozzanghera, un vaso di fiori sul balcone ed ecco decine di esemplari pronti a svolazzare in giro per colpire anche durante le ore diurne.

ZANZARE: COME CATTURARLE – Per liberarsene completamente bisognerà pazientare fino all’arrivo dei primi freddi: quando le temperature raggiungeranno le medie stagionali, le zanzare spariranno. In attesa, di quel momento, oltre ad avere cura di non lasciare sottovasi piedi d’acqua su balconi e davanzali, ci si può attrezzare per dare la caccia a questi fastidiosi insetti. Ecco come:

Sfoglia la gallery: 

 

(Photocredit copertina: AP Photo/USDA, File)