|

Genova: altra notte di terrore. I torrenti Varenna e Polcevera a livelli di guardia. Allerta 2 fino a lunedì

Alluvione Genova. Ore 12.21 dell’11/10/2014 – Arrivano i primi appelli e i commenti dal mondo dello star system. Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria terza in classifica in serie A, chiede l’aiuto dei suoi colleghi. “Chiedo ai presidenti di Coni, Figc, Leghe di A e B di aprire un conto per raccogliere fondi da destinare agli alluvionati di Genova. Tutte le società, tutti i calciatori, tutti gli sportivi devono aiutare chi, ancora una volta, ha perso tutto: la casa, il lavoro, la speranza che questa città possa realmente e finalmente cambiare. Le istituzioni dello sport italiano devono coinvolgere quelle europee – ha aggiunto il patron blucerchiato – Dobbiamo attivare un pronto intervento collettivo. Genova non deve sentirsi sola con i problemi irrisolti. Istituiremo, con i tecnici del Comune e i rappresentanti dei cittadini, un comitato di sorveglianza per verificare che i soldi raccolti vengano investiti veramente per realizzare le opere. Allora si potra’ dire che siamo uomini e non parolai”. Gli fa da amaro contraltare il comico e attore Luca Bizzarri, che fa notare che ormai “l’alluvione è un appuntamento fisso, come il salone nautico”. Afferma il suo dolore per “chi ha perso tutto”, ma sottolinea l’ipocrisia dello stupore per un “evento che si ripete da 40 anni. A Genova non cambia mai nulla”.

Alluvione Genova. Ore 11.14 dell’11/10/2014 – Tra Recco e Rapallo le cose non migliorano e numerosi sono gli allagamenti sull’A12, di fatto bloccata. Una frana di medie dimensioni interrompe anche un tratto della ferrovia. Burlando quantifica i danni, finora, in 200 milioni di euro, Gabrielli conferma che l’allerta 2 si protrarrà almeno fino a lunedì.

Alluvione Genova. Ore 10.41 dell’11/10/2014 – “Le previsioni per le prossime ore non sono assolutamente confortanti. Sia per le prossime ore che per la giornata di lunedì”. Non è consolante l’informazione che dà, in apertura di conferenza stampa, il capo della Protezione Civile Franco Gabrielli. Punta il dito anche sugli errori. “Ci sono pochi giri di parole da fare, qualcuno ha sbagliato non prevedendo tutto ciò. Ma non vanno fatte crocifissioni”. Anche perché, sottolinea, “in 4 anni c’è stata una concatenazione di eventi difficilmente prevedibile e ripetibile. Qualcosa di unico”. Non nega, però, che molto sarebbe potuto essere evitato, almeno per quanto riguarda i danni e forse la morte dell’unica vittima, con quei 35 milioni e i lavori previsti dopo il 2011. Opere non realizzate per via di diffide, intoppi burocratici e ricorsi di aziende coinvolte. “La beffa è che in questo tempo in cui si è lottato con le carte per farle, si sarebbero potute realizzare. Non sarebbero state la panacea di tutti i mali, ma avrebbero aiutato molto”. Non si espone oltre, sulle colpe, dicendo “che le responsabilità eventuali saranno accertate dalle inchieste”. Ma con la politica se la prende, e parecchio. “”Io sono il classico medico che e’ stato mandato al fronte di una guerra, in un Paese che e’ il Paese in cui, ad esempio, si sono fatte sanatorie per fare cassa. In questa guerra mi hanno dato una cassetta piena di aspirine”, dice il Capo della Protezione Civile. E aggiunge: “Sono molto piu’ sconfortato e preoccupato perché al contrario di molti altri sono costretto a vivere le innumerevoli emergenze che stanno attraversando il paese. Solo negli ultimi 2 anni sono stati dichiarati 21 stati emergenziali” con danni accertati per “2 miliardi e 300 milioni”. Amaramente chiude con una battuta. “Sono stato mandato su un fronte di guerra per guarire, come medico, feriti gravi. Ma mi hanno consegnato, per farlo, solo cassette di aspirine”.

Alluvione Genova. Ore 10.23 dell’11/10/2014 – Gabrielli, all’uscita del summit in prefettura, ha affermato che “siamo ancora in piena emergenza”, confermando lo stato di difficoltà della città ligure e dell’hinterland, peggiorato questa notte.

Alluvione Genova. Ore 9.20 dell’11/10/2014 – Non accenna a diminuire la portata dell’evitabile tragedia ligure. Un’altra bomba d’acqua ha colpito Genova nella notte e dopo i 4 torrenti di ieri – tra cui il più devastante è stato il Bisagno -, ora anche Varenna e Polcevera rischiano di esondare. Ora anche il levante cittadino è duramente colpito dall’emergenza, per via dello spostamento della perturbazione.
L’emergenza è gestita adesso anche dalla Protezione Civile: Gabrielli è tutt’ora in prefettura per un summit. Con lui il prefetto di Genova, il ministro della Difesa Roberta Pinotti, il governatore Claudio Burlando e il sindaco Marco Doria. Nella riunione saranno discussi sia gli interventi avviati dopo l’alluvione che le decisioni da assumere. Chiusi i sottopassi, in allerta tutta la Valbisagno, tantissime strade chiuse, ancora altri bassi e negozi allagati, soprattutto al Rio Ruscarolo, a Sestri Ponente, dove stanotte si sono vissuti i peggiori momenti di panico. La città è bloccata e molte auto sono rimaste danneggiate – una, a Isoverde, è stata risucchiata dal corso d’acqua limitrofo, per fortuna non c’era nessuno nell’abitacolo -, il momento peggiore della notte si è vissuto tra le 2 e le 3 di questa mattina.
Alle 3.30 c’è stata una tregua, con una forte diminuzione delle precipitazioni, ma già all’alba si è svegliato, nella paura, come già detto, anche il levante cittadino. Il Golfo del Tigullio e il Golfo Paradiso e il loro entroterra sono ora colpiti da violente piogge con tempeste di fulmini. Recco, Portofino, Rapallo, Chiavari sono colpite da una perturbazione che, nel caso non diminuisse la sua potenza, potrebbe provocare ancora più danni.
A Rapallo il torrente Boate, nel centro della città è a rischio esondazione.
Situazione critica anche per il fiume Entella e il torrente Lavagna.

Alluvione Genova. Ore 19.40 – La Protezione civile della Regione Liguria, in seguito all’aggiornamento delle previsioni meteo e al monitoraggio idrologico di questa sera del centro meteo Arpal, ha deciso di prolungare sino alle 12 di domani lo stato di allerta 2 idrogeologica, il massimo grado, su Genova, Savona e La Spezia e per le aree interne di Genova e La Spezia. Emanata allerta 1 per l’entroterra savonese. Lo riporta il Secolo XIX

Alluvione Genova. Ore 19.34 – Il sistema temporalesco si è nelle ultime ore spostato verso Ponente ed ora il vertice dello stesso si trova in mare davanti ad Arenzano con asse orientato verso Nord-Est.Anche le zone più interessate dalle precipitazioni si sono spostate di conseguenza con massimi in Alta Val Polcevera (Valleregia 73mm/3h, Mignanego 67mm/3h) e in Valle Scrivia (Busalla 66mm/3h).Rimane confermata la previsione di possibili ulteriori fenomeni di forte intensità anche nelle prossime ore. Lo riporta l’Arpal in una nota.

Alluvione Genova, ricorsi su ricorsi e i 36 milioni per il Bisagno rimasti nel cassetto. Ore 19.15 – I soldi per mettere in sicurezza il fiume Bisagno, uno di quelli che ha provocato il disastro dell’altra notte a Genova, ci sono da 4 anni: ma i quasi 36 milioni stanziati dal governo sono chiusi in un cassetto, bloccati da burocrazia e ricorsi, riporta il Sole 24 Ore.

 

Alluvione Genova: testimoni, vittima voleva “vedere” piena Bisagno. Ore 19.10 – Antonio Campanella, il 57enne vittima dell’alluvione di Genova, era uscito da un bar dove si trovava in via Canevari per “vedere” la piena del Bisagno. Cosi’ riferiscono le ultime persone che lo hanno visto in vita. L’uomo, infermiere pernsionato dal 2009 al San Martino, viveva solo in via Bobbio, in Valbisagno. Scapolo e senza figli, come sua abitudine anche ieri sera non aveva rinunciato ad uscire, raggiungendo la vicina via Canevari in bus. Secondo alcuni testimoni, avrebbe trovato la morte proprio per vedere il torrente la cui piena lo ha travolto e ucciso.

 

 

Alluvione Genova, 2.000 case senza corrente. Ore 19.05 – Sono circa duemila i clienti interessati dalle interruzioni di corrente, residenti nei quartieri Foce Marassi e San Fruttuoso Molassana e nel comune di Montoggio, in seguito all’alluvione di Genova. Lo rende noto l’Enel. In servizio 5 gruppi elettrogeni, al lavoro 110 tecnici.

 

Alluvione Genova, parla l’Arpal: quantità d’acqua mai registrata prima. Ore 18.55 –

Alluvione Genova, Renzi: «Bisogna sbloccare le opere pubbliche che mancano. Solidarietà ai parenti della vittima e ai commercianti. Ore 18.45 –

Alluvione Genova, parla il sindaco di Genova Marco Doria. «Nessuno ci aveva preavvertito». Ore 18.40 – «Nessuno ci aveva preavvertito che certe cose avrebbero potuto accadere nella giornata di ieri. Non avendo avuto informazioni in tal senso, il nostro sforzo è stato quello di affrontare l’emergenza in tempo reale». Lo ha dichiarato il sindaco di Genova, Marco Doria, durante la conferenza stampa convocata per fare il punto della situazione dopo la tragica alluvione di ieri. «Non voglio far polemiche sui modelli previsionali, non è il mio campo e -ha aggiunto il primo cittadino- non voglio nemmeno improvvisarmi meteorologo o dire io lo sapevo ma noi abbiamo affrontato la giornata sulla base di un avviso meteorologico regionale che parlava di alta probabilità di temporali forti ma non di allerta 1 né di allerta 2».

 

Alluvione Genova, A7 chiusa per frana. Ore 18.35 –
Da qualche minuto l’autostrada A7 Genova-Milano è stata chiusa per una frana in direzione del capoluogo lombardo. Sul posto sono arrivati i primi soccorsi e tecnici della società autostradale.on ci sono mezzi coinvolti nella frana che ha costretto a chiudere la carreggiata nord dell’autostrada A7 Genova-Milano. L’interruzione è avvenuta nel tratto tra Bolzaneto e Busalla. Una cascata di acqua e fango è finita sulla carreggiata Nord bloccando il transito. Nei pressi di Bolzaneto c’è stato un altro smottamento ed è stata chiusa una corsia sempre in direzione di Milano

 

Alluvione Genova, i cittadini contro la protezione civile, ore 18.30 – Secondo quanto riportato da “Il Giornale”, I cittadini delle zone invase dalle acque hanno protestato perché la Protezione Civile non ha preso per tempo i provvedimenti necessari, ma l’assessore regionale alla Protezione Civile Raffaella Paita, ha dichiarato che le previsioni diramate da Arpal non contenevano indicazioni tali perché la Protezione Civile dichiarasse lo stato d’allerta.

 

Alluvione Genova, ore 18.12 – Il presidente del Consiglio Matteo Renzi è in costante contatto con il capo della protezione civile Franco Gabrielli sulla situazione a Genova. Il ministro dell’Ambiente Galletti auspica invece che non siano più tollerati ritardi e inefficienze nelle opere sul dissesto.

 

 

Foto: Palli Fabio/LaPresse
Foto: Palli Fabio/LaPresse

 

Alluvione Genova, il cordoglio di Genoa e Sampdoria, ore 18.00 – Genoa e Sampdoria hanno espresso il loro cordoglio attraverso i siti ufficiali. Il Presidente blucerchiato Ferrero scrive: “In queste ore non sono in città, ma sono molto preoccupato – sottolinea il proprietario della società doriana -. Ho visto immagini che mi hanno profondamente colpito. Immagini che invitano alla preghiera e alla riflessione. Genova mi ha aperto le sue porte con disponibilità e generosità. E io oggi sono con Genova, con la sua gente, con la loro voglia e il coraggio di reagire, di non arrendersi mai, di ripartire. Genova e i genovesi devono sapere che se servirà qualcosa, io e la Samp saremo in prima fila. Senza paura». Identici i sentimenti in casa rossoblù dove si sta pensando all’annullamento dell’amichevole con lo Shakthar Donetz in programma domenica pomeriggio al Ferraris. Ma anche i calciatori rossoblucerchiati si sono stretti intorno alla città. Mattia Perin scrive: “Siamo una città che non molla mai! Vinceremo insieme anche questa volta! Tutti insieme! Forza Genova!”.

 

 

Alluvione Genova, le immagini della città, ore 17.45 – “Non è possibile che nessuno paghi per uno scempio del genere, scrive un utente su Twitter

 

    Alluvione Genova, la scogliera di Zoagli, ore 17.40 –  

 

 

Alluvione Genova, il tweet di Zucconi su Genova e Circo massimo che fa infuriare la rete, ore 17.35 – “Per l’alluvione di Firenze, migliaia di giovani andarono ad aiutare. Per l’alluvione di Genova, migliaia di giovani vanno al Circo Massimo”, ha detto Zucconi riferendosi all’incontro del M5s. Molti gli utenti di Twitter che hanno risposto indignati al tweet decisamente fuori luogo del giornalista.

   

 

Alluvione Genova, gli aggiornamenti delle 17.30 – Gli ultimi aggiornamenti modellistici confermano la presenza di condizioni favorevoli alla persistenza del sistema temporalesco in atto su Genova e il suo entroterra anche per le prossime ore. Sono quindi attese ancora precipitazioni a carattere temporalesco sulle zone già interessate. Da segnalare nelle ultime ore un lieve spostamento verso la Val Polcevera del sistema convettivo. Nelle ultime ora le precipitazioni massime hanno interessato il bacino dello Scrivia, del Polcevera, del Bisagno e in parte anche i bacini del ponente della città (Chiaravagna, Varenna, Leira); il valore massimo nelle 3 ore è stato registrato alla stazione di Vicomorasso (53 mm/3h). Il livello del torrente Bisagno e dei suoi affluenti al momento risulta stabile o in leggera discesa; il livello del torrente Polcevera in salita ma al di sotto del livello di guardia; le prossime ore potrebbero invece essere critiche per il torrente Scrivia in quanto il livello è tornato a salire e la parte più copiosa delle piogge al momento interessa il suo territorio          

 

Alluvione Genova, il dolore del cardinale Bagnasco, ore 17.20 – Il cardinale arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco ha espresso dal Sinodo il suo profondo dolore per quanto accaduto nella sua città annunciando una sua visita per domani nelle zone maggiormente colpite: «almeno per farmi presente in queste cinque, sei, sette parrocchie e, come ho fatto le altre volte, vedere la situazione delle strade ma soprattutto della gente, i negozianti in modo particolare».      

 

Alluvione Genova, Frecciabianca sviato per una frana, ore 17.14 – Un treno partito da Genova e diretto a Torino è uscito dai binari per una frana a Fegino, frazione di Genova. Rimasti contusi il macchinista e due passeggeri. Sul posto sono intervenuti immediatamente 118 e vigili del fuoco. Tutti e 170 i passeggeri sono stati trasferiti su 4 autobus che hanno provveduto a trasportarli a destinazione. Nel frattempo la circolazione ferroviaria prosegue sull’itinerario alternativo via Busalla.          

 

Alluvione Genova, ore 17.13 –  Le persone colpite dall’alluvione davanti alle telecamere di SkyTg24 raccontano di considerare i danni economici maggiori rispetto alle esondazioni del 2011. Le polemiche dei genovesi riguardano soprattutto la mancata allerta. L’esondazione del Bisagno sarebbe avvenuta alle 23.30 ma fino ad allora nè Protezione Civile nè Arpal, agenzia regionale per l’ambiente, sembrano aver lanciato l’allerta. Sia il sindaco del capoluogo Doria sia l’assessore regionale alla protezione civile hanno scaricato responsabilità sull’Arpal.Le attività produttive sono state oltremisura colpite. In giornata è giunta notizia di negozi completamente danneggiati ed aziende agricole letteralmente spazzate via. Ingenti disagi riguardano il comune di Monteggio al confine tra Liguria e Piemonte, dove è esondato lo Scrivia.          

 

Alluvione Genova, ore 16.40 – Continua il tam tam di informazioni e richieste d’aiuto sui social. Si parla di 200 vigili del fuoco impegnati in tutta la provincia che da stasera raddoppieranno turnazione. In meno di 24 ore (il Bisagno sarebbe esondato intorno alle 23.30 di ieri) i pompieri avrebbero svolto più di 500 interventi. Sarebbero 6 intanto le strade chiuse in provincia, 300 invece i mm di pioggia caduti da ieri sera.          

 

Alluvione Genova, il punto della situazione, ore 16.25 – Il sindaco di Genova Marco Doria ha annunciato che il giorno dei funerali dell’unica vittima dell’alluvione (il 57enne infermiere residente a Marassi travolto dall’acqua in via Canevari, a Brignole) sarà lutto cittadino. Il primo cittadino ha inoltre espresso l’intenzione di chiedere per il capoluogo ligure lo stato di calamità naturale. Per quanto concerne la viabilità restano limitate le corse degli autobus, mentre resta ancora chiusa l’uscita dell’autostrada Genova Est lungo la A12. la Protezione Civila continua a chiedere ai cittadini di non spostarsi su mezzi proprio e di sfruttare mezzi pubblici. Limitate anche le corse della metropolitana. Le scuole rimarranno chiuse anche domani. Resta il livello di allerta 2 (il massimo possibile) diramato però solo 12 ore dopo l’inizio dei grandi temporali (alle 11 di stamane).          

 

Alluvione Genova, ore 15.50 – Sui social network continua la diffusione preziose per i cittadini colpiti dall’alluvione. Ma non mancano frecciate al mondo della politica e la denuncia dei disagi.

       

 

Alluvione Genova, ore 15.43 – A Genova ha avuto luogo un fenomeno metereologico straordinario. In soli 4 giorni è caduta sulla città ligure più della metà dell’acqua che si solito cade in un anno. Tra le 22 e le 23 di ieri sarebbero caduti su un terreno oramai saturo (le piogge proseguivano più o meno regolarmente da alcuni giorni) ben 150 mm di acqua.              

 

Alluvione Genova, ore 15.43 – Per quanto riguarda i luoghi d’arte è stata disposta la chiusura al pubblico dei Civici Musei dalle ore 13 di oggi e per la giornata di domani, sabato 11 ottobre, ad eccezione dei Musei di Strada Nuova. Il Galata Museo del Mare chiude invece alle ore 15 del 10 ottobre e riaprirà domani 11 ottobre, salvo condizioni meteo avverse. Sono stati poi sospesi tutti gli eventi previsti oggi, domani e domenica.L’avviso dal sito museidigenova.it.              

Alluvione Genova, ore 15.40 – Il nuovo bollettino dell’Arpal, agenzia regionale ligure per l’ambiente, relativo alle ore 15.00, parla ancora di livello dei torrenti «ai livelli di guardia». Le precipitazione di oggi fino ad ora non hanno generato nuove esondazioni.  

Non si osservano variazioni di rilievo nella configurazione della struttura temporalesca che da molte ore interessa Genova ed il suo entroterra. Nel breve periodo sono ancora previste precipitazioni a carattere temporalesco sulle stesse zone, così come si evince anche dalle immagini radar. Le precipitazioni delle ultime ore sono state di intensità forte (Creto 60 mm/3h, Geirato 75 mm/3h, Bolzaneto 66 mm/3h), ma al momento non contribuiscono ad innalzamenti repentini dei livelli dei torrenti genovesi che tuttavia rimangono ai livelli di guardia.

           

 

Alluvione Genova, ore 15.14 – A SkyTg24 il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti parla della messa in sicurezza del territorio garantendo l’impegno del governo. «Siamo intervenuti con un decreto approvato prima dell’estate e con lo Sblocca Italia. Abbiamo bisogno di più risorse. Questa è comunque una grande emergenza italiana e noi lo abbiamo capito: il primo atto di questo governo è stato quello di istituire una cabina di regia presso Palazzo Chigi». Parlando alle tv Galletti ha poi ribadito che «ci sono 35 milioni di euro stanziati per l’alluvione di tre anni fa che non sono stati tradotti in opere per intoppi burocratici». «I 35 milioni sono stati bloccati – ha spiegato il ministro dell’Ambiente – da contenziosi al Tar e al Consiglio di Stato, per diversi motivi fra i quali gli appalti impugnati».              

 

Alluvione Genova, ore 15.12 – Altre foto dei danni delle esondazioni. Immagini di Fabio Palli da archivio LaPresse.   Genova alluvionata, esondano i fiumi  

  Alluvione Genova, ore 14.56 – Il numero verde della Protezione Civile è invece 800 177 797.          

 

Alluvione Genova, ore 14.46 – Dal profilo Twitter del Comine di Genova sono state diffuse note prezione per commercianti, artigiani e imprese. Sono disponibili numeri telefonici e indirizzi mail per ottenere aiuti e informazioni dalle associazioni di categoria.    

      Genova alluvionata, esondano i fiumi(Foto di Fabio Palli da archivio LaPresse)                

 

 

Alluvione Genova, ore 14.34 – L’Arpal, agenzia regionale ligure per l’ambiente, fa sapere, nel suo ultimo bollettino che continua senza particolare preoccupazione, al momento, il controllo del livello dell’acqua dei torrenti genovesi. Il comunicato delle 13.30 recita:

Le precipitazioni delle ultime ore sono risultate più rilevanti sullo spartiacque tra Val Bisagno e Valpolcevera (massimo di 116 m/3ore a Genova-Geirato) e sulla Val Trebbia. I livelli dei torrenti delle zone colpite dall’evento al momento risultano stabili o in lieve innalzamento, rimanendo su livelli di guardia.  Dalle immagini radar la struttura che interessa il nostro territorio ormai da oltre 24 ore non mostra significativi segni di spostamento.

   

 

Alluvione Genova, ore 14.30 – L’alluvione ha innescato reazioni polemiche di molti parlamentari e leader politici di opposizione. «#Genova, milioni di danni per alluvione. #Renzi aiuterà popolazione colpita o le risorse si trovano solo per #immigrati?!?», ha postato il segretario della Lega Nord Matteo Salvini. «Genova – ha scritto invece il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri – sempre sindaci di sinistra, anche provenienti da magistratura, e disastri in serie. Ne vogliamo parlare?». Poi Arturo Scotto, deputato di Sel: «Quante altre #Genova dovranno sprofondare prima di capire che anche la bomba d’acqua è una questione politica?».              

 

Alluvione Genova, il punto della situazione, ore 13.20 – Proseguono i lavori a Genova per ritornare quanto prima alla normalità dopo le forti piogge e l’alluvione della serata di ieri che ha causato la morte di un uomo di 57 anni, Antonio Campanella, infermiere, residente in via Bobbio a Marassi. La principale esondazione in città ha riguardato il torrente Bisagno. Le acque sono straripate alle spalle della stazione Brignole, a Borgo Incrociati. Per motivi di sicurezza le autorità cittadine hanno ordinato la chiusura di scuole di ogni ordine e grado e dei mercati cittadini, così come di molti uffici. Tra molte polemiche. Si discute molto in queste ore (lo dimostrano anche i messaggi di disappunto dei cittadini sui social network) del mancato allarme per il rischio esondazioni che sarebbe dovuto essere lanciato nella serata di ieri. Il sindaco Marco Doria ha chiarito che il comune non ha diffuso alcun allerta perché il compito della verifica dei rischi appartiene ad altri organismi, ovvero all’Arpal, l’agenzia regionale per l’ambiente. La Regione Liguria, dal canto suo, attraverso l’assessore alla protezione civile, ha spiegato che l’allerta meteo per l’alluvione non è stata data perché le valutazioni dell’Arpal basate su modelli matematici non hanno segnalato l’allarme. Ma polemiche sono legate anche alla mancata esecuzione di lavori di messa in sicurezza del Bisagno negli ultimi tre anni dall’alluvione del 2011 che causò la morte di tre persone, tra cui due bambini. Il sindaco ha risposto a questa accusa sostenendo che in realtà i lavori non sono mai partiti (nonostante ci fossero soldi a disposizione) a causa di «ricorsi e controricorsi» al Tar presentati dalle imprese sconfitte in sede di gara d’appalto. I danni economici sono ingenti. Davanti alle telecamere diversi negozianti hanno mostrato i loro locali e la loro merce danneggiati. L’allerta non è comunque finita. Se è vero che non si è verificata in mattinata una nuova piena del Bisagno che era stata prevista nella notte, è anche vero che si continua a monitorare i corsi d’acqua perché per oggi e domani sono previste ancora precipitazioni. L’ultimo bollettino dell’Arpal (delle ore 12) fa sapere:

La struttura autorigenerante che ha interessato la zona del genovese risulta tuttora presente e continua a portare precipitazioni temporalesche e/o a carattere di rovescio dal mare verso la costa e l’entroterra del genovese. Al momento non si prevedono attenuazioni nel breve periodo dei fenomeni. Il territorio risulta saturo e i livelli dei torrenti sono stabili o in salita, soprattutto in zona Bisagno, Polcevera, Scrivia e tributari. Dalle immagini radar la struttura non accenna a diminuire di intensità e continua ad essere stazionaria sulle aree già interessate dalle piogge in queste ore.

  Alluvione Genova, ore 12.56 – Un treno partito da Genova e diretto a Torino – lo riferisce l’Ansa – è uscito dai binari, probabilmente per una frana, a Fegino, una frazione di Genova. Secondo le prime informazioni, un macchinista è rimasto ferito. Sul posto stanno intervenendo 118 e Vigili del Fuoco.             Alluvione Genova, ore 12.29 – Dal profilo Twitter del Comune di Genova è stata comunicata l’allerta meteo 2 (il livello più alto) in tutta la regione Liguria fino alla mezzanotte. Sul sito web dell’ente sono disponibili le indicazioni su come comportarsi. L’avviso metereologico regionale pubblicato sul sito dell’Arpal, intanto, parla di rischio temporali alto anche per la giornata di domani.

 

Alluvione Genova, ore 12.13 – L’esondazione dei fiumi e il black out di una città si sono trasformati in occasione per compiere furti. Nelle zone devastate dall’alluvione infatti stanotte si sono verificati diversi atti di sciacallaggio. In particolare sono stati presi di mira dagli sciacalli diversi negozi di via XX Settembre, la via principale del capoluogo ligure. Sul posto è intervenuta la polizia.

 

Alluvione Genova, ore 12.05 – L’alluvione raccontata dalle foto scattate da Fabio Palli per l’agenzia LaPresse.

 

Genova alluvionata, esondano i fiumi

 

 

Alluvione Genova, ore 11.50 – L’ultimo aggiornamento meteo risale alle ore 11 ed è stato pubblicato sul sito del Comune di Genova. Si parla di quadro atmosferico «decisamente instabile»:

Il quadro atmosferico genovese, a cavallo tra diversi flussi convergenti al suolo, resta decisamente instabile e sede di rovesci e temporali, in atto e potenzialmente in nuova formazione. Attualmente si osserva la cella terrestre in allontanamento alle spalle di Genova, mentre poco al largo del capoluogo, il radar evidenzia nuclei con riflettività crescente in risalta verso costa. Al momento non si registrano precipitazioni solo sui lembi estremi del territorio, mentre tutta la porzione centrale è interessata da piogge sparse e locali rovesci, anche localmente forti (media Polcevera e medio-alta Bisagno).

Genova alluvionata, esondano i fiumi(Foto di Fabio Palli da archivio LaPresse)

 

Alluvione Genova, ore 11.47 –Una negoziante a SkyTg24 denuncia che, a differenza del passato, è mancato un avviso. Secondo la signora l’alluvione odierna è «quattro volte più grave» di quella di tre anni fa. «Nè il Comune nè la Protezione Civile, nessuno, ci ha avvertito». In strada molti cittadini colpiti dal disastro chiedono di non pagare le tasse.

 

Alluvione Genova, ore 11.40 – Alcune zone restano ancora senza elettricità e alcune famiglie bloccate a Genova Molissana. È il segnale della gravità della situazione in città in un momento in cui le precipitazioni continuano e resta ancora vivo il rischio di nuove esondazioni. Il sito primo canale parla di gravissima situazione nelle zone di Brignole (dove è stata ritrovata la vittima) e a Marassi. Nella zona di Borgo Incrociati l’acqua avrebbe raggiunto perfino i due metri. Case sarebbero state allagate e negozi invasi dall’acqua in via XX Settembre. Al lavoro anche le ruspe.

 

Genova alluvionata, esondano i fiumi(Foto di Fabio Palli da archivio LaPresse)

 

Alluvione Genova, ore 11.24 – A quanto si apprende le autorità genovesi non avrebbero dato l’allerta in tempo perché i modelli matematici dell’Arpal non segnalavano situazione critica.

 

Alluvione Genova, ore 11.20 – A causa delle nuove precipitazioni comincia ad alzarsi ancora il livello del Bisagno. Soccorritori e forze dell’ordine hanno lavorato per l’evacuazione delle zone a rischio. Si teme per una nuova ondata. La Protezione Civile (e non solo) sta lavorando per liberare i tombini dal fango.

 

Genova alluvionata, esondano i fiumi(Foto di Fabio Palli da archivio LaPresse)

 

Alluvione Genova, ore 11.05 – Sui social network viene denunciato anche il cattivo stato dei letti dei corsi d’acqua che avrebbero favorito le esondazioni (e non solo la mancata allerta dell’Arpal e lo stop ai lavori di messa in sicurezza del Bisagno dopo l’alluvione del 2011). Per quanto concerne i danni si parla anche di aziende agricole completamente spazzate via.

 

 

Alluvione Genova, ore 10.58 – La Protezione Civile ha avvertito nella tarda serata di ieri i cittadini con alcuni sms. Un prmo messaggio sarebbe stato inviato alle 23.19. Ulteriori avvisi sarebbero stati poi inviati all’1.37 (per avvisare del «pericolo ulteriore esondazione Bisagno) e alle 5.58 (per avvisare della chiusura delle scuole di ogni ordine e grado). Lo racconta una ragazza a SkyTg24.

 

Alluvione Genova, ore 10.53 –  A quanto si apprende la vittima dell’alluvione, un uomo di 57 anni residente in zona Brignole, è rimasta bloccata sotto un tunnel al momento dell’arrivo dell’ondata d’acqua. Per la morte dell’uomo la Procura di Genova aprirà un fascicolo ipotizzando il reato di omicidio colposo.

 

Alluvione Genova, ore 10.46 – Continuala pubblicazione sui social network delle immagini della pioggia e dei danni delle esondazioni dei torrenti Bisagno, Sturla, Fereggiano e Scrivia. Su Twitter sono diventati trend gli hashtag #AlluvioneGenova #allertameteoLIG e la parola Bisagno. Ecco alcune foto scattate in mattinata.

 

 

Alluvione Genova, ore 10.22 – Alle 10 è arrivato un nuovo aggiornamento della situazione meteo da parte dell’Arpal (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure). Il rischio esondazioni non è affatto svanito:

Si stanno verificando precipitazioni intense su tutta l’area del Bisagno che stanno incrementando in maniera repentina i livelli. In particolare alla stazione di La Presa si è raggiunto il livello di 2.50 m. Alto rischio di esondazione dei piccoli rii e dei tributari minori del Bisagno. Dal radar le precipitazioni non accennano a smettere.

È possibile seguire gli aggiornamenti attraverso account Twitter e sito web.

 

Alluvione Genova, ore 10.19 – È facile prevedere numerose polemiche per il dopo alluvione. Nel mirino dei cittadini genovesi finiscono in queste ore innanzitutto la mancata allerta per il rischio esondazioni dei corsi d’acqua che attraversano la città e le zone limitrofe. In secondo luogo viene denunciato lo stop ai lavori per la messa in sicurezza del torrente Bisagno. Dopo l’alluvione i lavori non sono stati realizzati nonostante ci siano i fondi a disposizione. I lavori sono stati fermati per i riccorsi alla giustizia amministrativa delle imprese sconfitte nella gara. Il sindaco Marco Doria, comunque, scarica le responsabilità del mancato allarme su altri organismi. «Ho adottato misure anche in assenza di allerta», ha dichiarato il primo cittadino a SkyTg24.

 

Alluvione Genova, ore 10.14 – Su Twitter intanto, gli utenti raccontano di nuovi forte piogge. Sono previsti in giornata precipitazioni temporalesche. L’allerta resta. Sono state comunque evacuate le zone a maggior rischio di nuove esondazioni.

 

 

Alluvione Genova, ore 10.09 – A Sky Tg24 il sindaco Marco Doria ribadisce che l’allerta non è stata data al Comune e che ora l’allerta resta, indipendentemente da ciò che riferiscono gli organi preposti. «Le zone dove è esondato il Bisagno e dove ci sono auto danneggiate c’è un’azione di immediato ripristino di condizioni di normalità», ha spiegato il primo cittadino. Ma – ha affermato Doria – si prevedono «forti fenomeni temporaleschi». Per quanto concerne le famiglie cbloccate il sindaco dice che le persone «sono state spostate in una zona sicura». Sull’allerta, poi, Doria ripete: «Non è mio compito (dare l’allarme, ndr). Ho adottato misure anche in assenza di allerta».  Su lavori: «Abbiamo un territorio fragilissimo a Genova, come a Firenze, in Calabria, alle Cinque Terre, abbiamo interventi strutturali che si possono e si devono realizzare. I lavori per la messa in sicurezza del Bisagno sono stati bloccati per due anni per una questioni di ricorsi e controricorsi alla giustizia amministrative delle imprese che hanno perso la gara. I lavori non sono partiti da quando mi sono insediato per ricorsi e controricorsi». Infine, Doria dice: «L’allerta resta alta qualunque cosa ci dicano gli organismi preposti».

 

Alluvione Genova, ore 9.55 – Si contano fino ad ora oltre 250 interventi dei vigili del fuoco dopo le esondazioni della notte. La vittima dell’alluvione, un uomo di 57 anni, era residente a Marassi. Sono stati chiuse scuole di ogni ordine e grado e i mercati. Alcune zone sono state evacuate per il rischio di nuove esondazioni e in particolare di una nuova piena del Bisagno.

 

Alluvione Genova, ore 9.49 – L’ultimo monitoraggio meteo disponibile sul sito dell’Arpal (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure) risale alle 8.45. Si spiega che nelle prossime ore le precipitazioni possono interessare ancora le zone già colpite dall’alluvione di stanotte. Non si è verificata la nuova piena del Bisagno prevista inizialmente per la prima mattinata, ma l’allerta resta:

Il sistema precipitativo si mantiene attivo in prossimità del Monte di Portofino ma attualmente le piogge più intense risultano localizzate sul mare, di fronte alla costa tra Genova e Portofino. Le piogge nelle ultime 3 ore sono state generalmente di debole intensità (circa 10-13 mm/1h) con un massimo di circa 40 mm/3h a Colonia Arnaldi. Nelle prossime ore tuttavia, stante la persistenza del sistema temporalesco, rimane alta la probabilità di nuovi inneschi sulla terraferma sulle zone già colpite.

Per aggiornamenti dell’Arpal è possibile seguire l’account Twitter e il sito web.

 

Alluvione Genova, ore 9.44 – In zona Molassana, precisamente in via dei Carpi, in collina, una trentina di famiglie sono rimaste bloccate. Coinvolti anche bambini. Tra loro un neonato.

 

Alluvione Genova, ore 9.35 – Intervenendo a SkyTg24 il presidente dell’Ordine dei geologi Gian Vito Graziano dice: «Continua ad esserci un problema di prevenzione, una parola romai abusata. Non è una questione di soldi e finanziamente, i soldi erano stati stanziati ma non erano stati spesi per problemi amministrativi. È poi un problema anche culturale: che tipo di pianificazione è stata fatta negli ultimi 3 anni? Torniano a parlare delle stesse cose».

 

Alluvione Genova, ore 9.22 – Intanto su YouTube sono già stati caricati numerosi video dell’alluvione e dei danni. Si notano in particolare le auto ammassate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alluvione Genova, ore 9.10 – Su Twitter alcuni utenti segnalano ancora pioggia. La piena del torrente Bisagno attesa nella prima mattinata per ora non c’è stata. È comunque massima l’allerta per le possibili forti precipitazioni.

 

 

Alluvione Genova, ore 8.59 – Sui social network i cittadini di Genova si lamentano della mancata allerta nelle ore precedenti l’alluvione. Il sindaco Marco Doria ripete che gli amministratori non hanno ricevuto alcun segnale di allarme. Ma la sua dichiarazione sembra non basta per convincere. «Non avete fatto nulla per evitare una seconda tragedia! Sono stufa di vedere la mia città in ginocchio!», si legge su Twitter in un messaggio indirizzato direttamente all’account del Comune.

 

Alluvione Genova, ore 8.48 – In via Canevari, la strada dove un uomo di 57 anni è morto a causa dell’alluvione, vicino al torrente Bisagno, ci sono auto ammassate. I soccorritori continuano il loro lavoro. Il livello dell’acqua non desta allarme ora. Era attesa nella prima mattinata una nuova piena, ma la situazione sembra sotto controllo. Preoccupa comunque il rischio di nuove precipitazioni in giornata. Si prevede comunque un temporale intenso.

 

Alluvione Genova, ore 8.42 – C’è molta rassegnazione nelle parole dei cittadini genovesi che hanno subito danni per l’alluvione odierna che segue quella del 2011. «È tutto da rifare», dice il titolare di un esercizio commerciale a Skytg24.

 

Alluvione Genova, ore 8.40 – Sono numerosi i disagi dei cittadini mentre si attende una nuova piena del Bisagno. Sono state chiuse le scuole e i mercati cittadini all’aperto, numerose strade sono state vietate. È stata evacuatala zona di Borgo Incrociati in attesa della piena. Il Comune di Genova ha disposto il divieto di circolazione dei veicoli privati in numerose zone, nei quartieri di Foce, Marassi, San Fruttuoso e Quezzi. Gli istituti scolastici sonos tati schiusi anche a Bogliasco, Torriglia, Ronco, Scrivia, Montoggio, dove ieri è esondato il torrente Scrivia.

 

Alluvione Genova, ore 8.26 – Sul web continua la pubblicazione delle immagini dell’alluvione e dei disagi. Su Twitter sono diventati trend gli hashtag #AlluvioneGenova e #allertameteoLIG. Ecco alcune foto.

 

 

Alluvione Genova, ore 7.43 – Secondo il Secolo XIX, le condizioni meteo sono ulteriormente peggiorate. La pioggia continua a cadere, forte, tanto da essere stata interdetta la circolazione anche in zone non colpite dall’alluvione direttamente.

 

Alluvione Genova, ore 7.36 – Su SkyTg24 vengono rese note le indicazioni da parte della Protezione Civile: non usare l’auto privata e non circolare nelle zone colpite dall’alluvione.

 

  Alluvione Genova, ore 7.22 – Secondo il Secolo XIX è attesa entro circa un’ora un’ulteriore ondata di piena del Bisagno.   Alluvione Genova, 10 ottobre, ore 7.04 – A Genova riprende a piovere verso le sei e mezza. Chiuse tutte le scuole, non ci sarebbe notizia di ulteriori dispersi. Da YouTube arriva un video.  

 

 

Ma a Genova è anche l’ora della rabbia:

 

 

Alluvione Genova, il punto del 9 ottobre, ore 3,30 – Genova è di nuovo vittima di un’alluvione dopo quella dolorosa del 2011. Purtroppo qualcosa non ha funzionato: infatti, l’Arpal non ha dato alcun allarme al Comune e ai Municipi. In serata l’arrivo di quella che viene definita una vera e proprio bomba d’acqua ha dato il via allo scenario attuale. L’acqua caduta copiosa ha determinato l’esondazione del Bisagno e del Rio Fereggiano. Strade inondate di acqua, che ha portato via macchine, cassonetti, determinato anche vari black out. Purtroppo intorno all’una di notte la notizia più amara: a via Canevari è stato ritrovato il corpo di un uomo di 57 anni, probabilmente travolto dall’esondazione. Intorno alle 02.30 era attesa una nuova piena del Bisagno, che, fortunatamente, non ha determinato alcuna uscita dall’alveo del torrente. Domani le scuole di Genova, Bogliasco e di altri comuni limitrofi rimarranno chiuse.

Molte le polemiche anche nei confronti delle emittenti televisive: nessun canale nazionale era infatti in diretta ad informare gli italiani di quanto accadeva nel capoluogo ligure. Nell’occhio del ciclone il Tg1 della Notte, che non solo non andava in edizione straordinaria, ma apriva il tg parlando delle dichiarazioni del premier Matteo Renzi, relegando l’alluvione di Genova solo in fondo all’edizione notturno del telegiornale dell’ammiraglia Rai.

 

Alluvione Genova 03.04 – La situazione migliora leggermente. A Genova piove meno, e la piena del Bisagno sembra meno spaventosa di quanto si potesse pensare. I livelli sono scesi repentinamente. L’onda di piena dovrebbe rimanere contenuta nell’alveo del Bisagno.

 

Alluvione Genova, ore 02.35 – La persona morta in via Canepari ha 57 anni ed abitava a Marassi.

 

Alluvione Genova, ore 02.31 – L’allerta meteo è arrivato alle ore 23.50. Grandi polemiche attese nei prossimi giorni, soprattutto nei confronti dell’Arpal, che non ha comunicato alcun allerta.

 

Alluvione Genova, ore 02.26 – Sull’autostrada A12 tratto chiuso tra il bivio A12/A7 Milano-Genova e Genova Nervi per allagamenti.

 

Alluvione Genova, ore 02.20 – Vengono pubblicate foto dell’alluvione sui social network. Ecco immagini da Instagram.

 

Foto di Davidegentile_ su Instagram
Foto di Davidegentile_ su Instagram

 

Alluvione Genova, ore 02.15 – L’Ansa riporta che è esondato anche lo Sturla, torrente del quartiere levante di Genova. Al momento si registrano allagamenti e auto trascinate dall’acqua.

 

Alluvione Genova, ore 02.13 – La Protezione Civile e i vigili del fuoco hanno disposto l’evacuazione dei primi piani nella zona di Sant’Agata, a Genova, in previsione della nuova ondata di piena del torrente Bisagno.

 

Alluvione Genova, ore 02.07 – Dal sito di Youreporter un video di quanto sta accadendo a Genova questa notte.

 

 

Alluvione Genova, ore 01.55 – Altre foto dai social network.

 

genova alluvione11

 

alluvione a genova

 

alluvione genova 13

 

esondazione genova 2014

 

genova alluvione danni

 

Alluvione Genova, ore 01.52 – In alcune zone di Genova e intorno a Genova sono in azione i sommozzatori. Comunque ora si è tutti con il fiato sospeso nell’attesa della nuova piena del Bisagno. A Borgo Incrociati sono in corso dei controlli per verificare se ci siano persone rimaste intrappolate in un sottopasso.

 

Alluvione Genova, ore 01.40 – Ora le polemiche si rivolgono anche ai media nazionali, soprattutto televisivi, che stanno ignorando quanto avviene a Gennova. Addirittura il TG1 della notte apre con Renzi, mettendo alla fine l’alluvione di Genova.

 

Alluvione Genova, ore 01.36 – Secondo il Secolo XIX la vittima sarebbe un uomo tra i 25 e i 30 anni.

 

Alluvione Genova, ore 01.33 – Iniziano a montare le polemiche, sia sulle televisioni locali, tipo primo Canale, sia sui Social Network. Secondo molte testimonianze le autorità locali sono state colte di sorpresa dal maltempo e dalla sue conseguenze. Ricordiamo che solo pochi anni fa, nel 2011, Genova ha vissuto una tragedia dovuta proprio al maltempo e all’esondazione di alcuni torrenti.

 

Alluvione Genova, ore 01.28 – Scuole chiuse anche a Bogliasco. Oltre che a Montoggio e Genova. Ricordiamo che il nuovo picco del Bisagno è atteso entro un’ora. A Genova, comunque, la situazione sembra migliorare anche a causa della pioggia meno intensa.

 

Alluvione Genova, ore 01.24 – Secondo quanto riporta l’Ansa la vittima è stata trovato vicino ad una palina dell’autobus ed e’ stato probabilmente travolto dalla piena del Bisagno. Il cadavere è ancora sul posto, coperto da un lenzuolo.

 

Alluvione Genova, ore 01.18 – Si aspetta una nuova onda di piena del Bisagno nella prossima ora derivante dalle ultime piogge che stanno scendendo a Valle.

 

Alluvione Genova, ore 01.17 – Sui Social Network circolano molte foto.

 

alluvione genova macchine

 

Alluvione Genova, ore 01.11 – Il corpo dell’uomo è stato trovato in via Canevari. Domani scuole chiuse a Genova.

 

Alluvione Genova, ore 00.50 – Ci sarebbe la prima vittima. Il corpo di una persona è stato recuperato a Borgo Incrociati, nella zona di Brignole, a Genova dai vigili del fuoco intervenuti in seguito all’esondazione del torrenti in citta” Questo quanto riportato dall’agenzia Ansa.

Torna l’incubo alluvione a Genova, dopo la tragedie del 2011. Siamo davanti ad una situazione di grande criticità a quanto riferiscono le autorità. Infatti, il torrente Bisagno, che attraversa Genova, è esondato tra Molassana e Brignole. L’acqua ha invaso le strade circostanti trascinando via le auto parcheggiate. Parte della città è in black out. Anche il torrente Scrivia è esondato a Montoggio, al confine tra Liguria e Piemonte, dove la situazione è più carica. Sono state salvate tre persone che erano date per disperse. Alcune persone rimaste nelle auto circondate dall’ acqua sono state soccorse da vigili del fuoco, intervenuti anche con i nuclei sommozzatori.

 

alluvione genova 2

 

La perturbazione, che nelle ultime ore ha preso le sembianze di una vera e propria alluvione, sembra spostarsi più a levante. La protezione civile, intanto, fa sapere di non circolare con i veicoli, per motivi di sicurezza e per non intralciare i soccorsi. Invito alle persone dei piani seminterrati a salire nei piani alti, soprattutto in zona piazzale Adriatico e limitrofe.

 

(Foto di copertina di Fabio Palli da archivio LaPresse)