|

Fabio Fognini: la follia del dito medio al pubblico gli costa 2 mila dollari

Fabio Fognini ha compiuto un’altra pazzia. Il tennista italiano ha rivolto il dito medio al pubblico di Shanghai che esultava per la sua eliminazione al primo turno. Fognini ha perso contro il numero 553 del mondo, il cinese Wang Chuhan, e non ha contenuto la sua rabbia sfociata in un gesto volgare che gli costerà una multa da 2 mila dollari.

FABIO FOGNINI, NUOVA PAZZIA – Fabio Fognini, probabilmente il più forte tennista italiano degli ultimi 20 anni, sta diventando sempre più famoso per le sue follie comportamentali rispetto alle giocate esibite sui campi da tennis. Nel Master 1000 di Shangai Fognini è stato eliminato da un giocatore molto meno forte di lui, il cinese Wang Chuhan, numero 553 della classifica Atp. Un risultato deludente diventato molto imbarazzante per il dito medio rivolto al pubblico cinese che esultava per la vittoria di un tennista locale, sicuramente non attesa data la differenza di valori in campo. Fognini è il numero 18 della classifica Atp, e solo l’anno scorso era arrivato a sfiorare la Top Ten dei migliori giocatori del mondo. Nel 2014 però la stagione del nostro tennista più rappresentativo è stata costellata da continue intemperanze caratteriali, di cui il dito medio di Shanghai costituisce solo l’ultimo, triste episodio.

LE FOLLIE DI FABIO  FOGNINI – La nuova sconfitta, la quinta eliminazione consecutiva al primo turno, ha scatenato la ormai proverbiale rabbia di Fabio Fognini. Prima di lasciare il campo il tennista ligure aveva dato una leggera gomitata al suo avversario cinese, per poi rivolgere il dito medio al pubblico, come già aveva fatto a Parigi qualche tempo fa. Fognini è stato multato 2 mila dollari per questo gesto offensivo, una sanzione relativamente contenuta rispetto ai 27 mila dollari che ha dovuto pagare per aver insultato gli arbitri a Wimbledon. Nei mesi scorsi il tennista ligure aveva fatto parlare di sè per un insulto razzista – zingaro di m…a – e per aver offeso il padre durante un cambio campo. Ripetute cadute comportamentali che oscurano una carriera che sembrava sul punto di esplodere definitivamente con l’ingresso nei Top Ten del tennis mondiale, e che ora viene oscurata da queste continue volgarità insensate, inaccettabili per un atleta di alto livello.

Photocredit: Zhong Zhi/Getty Images