|

Jean Todt: «Michael Schumacher può tornare a una vita normale»

Le condizioni di salute di Michael Schumacher stanno migliorando, e si può sperare che il sette volte campione del mondo di Formula 1 possa tornare a condurre un’esistenza normale. Jean Todt, presidente della Fia ed ex direttore sportivo di Schumacher alla Ferrari, si è espresso in modo fiducioso dopo aver visitato l’ex pilota a casa sua.

MICHAEL SCHUMACHER  E JEAN TODT – Michael Schumacher si sta battendo ed ha ancora un lungo e difficile percorso davanti a lui, e si può solo sperare che possa tornare ad avere una vita normale . Questa convinzione è stata espressa da Jean Todt, il presidente della Fia e grande amico del pilota tedesco che ha diretto negli anni più vincenti della Ferrari, dopo aver visitato Schumacher nella sua casa sul Lago di Ginevra. A inizio settimana Todt si è recato presso l’abitazione del suo amico, e ha notato come Michael Schumacher continui a fare progressi, anche se la riabilitazione sarà ancora lunga e complessa. «Si può solo sperare che possa tornare ad avere una vita normale. Ora ci vuole tempo e calma. Si può essere sicuri solo del fatto che non sarà mai più in grado di fare il pilota di Formula 1», ha dichiarato Jean Todt. Da diverse settimane il pilota tedesco prosegue la sua difficile riabilitazione dopo l’incidente sugli sci nella sua villa in Svizzera, dopo aver lasciato l’ospedale di Losanna. La moglie Corinna ha allestito all’interno dell’abitazione una struttura ospedaliera che assiste il pilota, che ha rischiato di morire per trauma cranico ed è stato per molti mesi in coma. Da quando è uscito dall’ospedale di Grenoble, dove era stato ricoverato dopo l’incidente sugli sci, non sono state più diffuse notizie sullo stato di salute di Michael Schumacher. Jean Todt, d’accordo probabilmente con la famiglia, ha rotto questo silenzio, parlando alla TV belga Rtl dopo il GP di Suzuka.

Photocredit:  Mark Thompson/Getty Images)