|

Il servizio de Le Iene sull’ignoranza “estera” dei nostri politici

Nella puntata de Le Iene andata in onda ieri sera su Italia 1, l’inviata Sabrina Nobile ha intervistato i politici nostrani in materia di Politica estera. Tema portante del servizio? La minaccia dell’Isis. Federica Mogherini è stata eletta “Lady Pesc”, che sta per “Politica estera e sicurezza comune”, l’Isis è lo “Stato islamico dell’Iraq e della Siria”, la “Fatwa” è un editto islamico di condanna, mentre i “Peshmerga” sono i combattenti che si battono per contrastare l’avanzata dell’Isis. I nostri parlamentari hanno votato e approvato l’invio di armi ai Peshmerga, ma sapranno di cosa si sta parlando?

(screenshot via Le Iene)
(screenshot via Le Iene)

GLI ONOREVOLI E LA POLITICA ESTERA – Sabrina Nobile si imbatte nell’On. Latronico di Forza Italia, che sembra non sapere chi siano i Peshmerga: «Faccia la domanda e si dia una risposta» dichiara l’azzurro . Zeller di Italia bene comune ignora cosa significhi “Pesc”. Salvini non ha «la più pallida idea» di cosa significhi “Isis, «mi interessa la sostanza», ha detto, aggiungendo che «è qualcosa che non voglio in casa mia». D’Agostino di Scelta Civica sembra non essere a conoscenza di cosa siano i Peshmerga e nemmeno l’Isis. Ribaudo del Pd non capisce cosa voglia dire Fatwa «non lo ricordo». La Fattori del M5s ignora il significato di Lady Pesc, mentre Santelli di Forza Italia pensa addirittura che l’Isis sia un progetto sul terrorismo internazionale. Bravi tutti.

Leggi anche: Nicole Minetti a Le Iene: «Una botta e via è la storia della mia vita»

JOLE SANTELLI CONTRO LE IENE – La deputata di Forza Italia Jole Santelli, dopo la messa in onda del servizio della trasmissione di Italia 1, ha annunciato che sporgerà querela contro “Le Iene”: «In relazione allo stralcio di intervista mandato in onda ieri sera dalla trasmissione televisiva “Le Iene”, ho dato mandato ai miei legali di sporgere querela. Ritengo infatti che il comportamento posto in essere dall’inviata prima, durante e dopo l’intervista abbia arrecato un grave danno alla mia immagine e una lesione alla mia onorabilità personale. Spiegherò dettagliatamente ciò che si è verificato al magistrato perché il lungo incontro avvenuto a Piazza Montecitorio è stato molto diverso rispetto a quanto che è stato trasmesso, tanto da stravolgere il significato delle mie affermazioni».

TAG: ISIS