|

Scoperta la causa della strage dei vaccini in Siria

La buona notizia è che sono 15 e non 36 le vittime della recente strage tra i bambini vaccinati in Siria. Un’inchiesta ha determinato anche che è stato un errore umano a provocare la morte dei bambini, spirati poco dopo aver ricevuto la vaccinazione contro il morbillo.

 

Unicef vaccini 9

 

ORA È TUTTO CHIARO – Un’inchiesta preliminare condotta dalla coalizione nazionale siriana che s’oppone ad Assad ha concluso che è stato un incidente provocato da un errore umano a uccidere 15 bambini che nei giorni scorsi avevano ricevuto la vaccinazione contro il morbillo nel quadro della campagna condotta dall’ONU, nelle regioni siriane sotto il controllo dell’opposizione ad Assad.

UN TRAGICO ERRORE – A 75 bambini sarebbe infatti stato somministrato un vaccino diluito con atracurium, un rilassante muscolare, invece che con la soluzione normalmente usata allo scopo. Un errore favorito dal fatto che la confezione della soluzione e del medicinale sono molto simili. L’errore ha provocato la morte di 15 dei bambini vaccinati in questo modo, tutti tra i sei e i diciotto mesi d’età.

 

LEGGI ANCHE: Siria, vaccini contaminati: almeno 36 bambini morti

 

SMENTITE LE PRIME IPOTESI – Dismesse quindi le ipotesi avanzate in un primo tempo, in particolare dai genitori dei bambini, che i vaccini potessero essere adulterati o mal conservati, ma anche quella di un’azione condotta da infiltrati di Assad, ipotesi che per quanto inverosimile aveva avuto una certa eco tra i siriani che risiedono nella parte più settentrionale el paese, sfuggendo alla presa del regime.