|

Omicidio-suicidio, la rabbia degli amici di lei: «Lui era un mostro»

Chi conosceva Alessandra, la ragazza di 19 anni che lunedì notte a Milano è morta dopo essere stata lanciata nel vuoto dal suo ex fidanzato, trova difficoltà a controllare la rabbia. La scomparsa di una persona cara è sempre un vicenda difficile da accettare. Ma stavolta a ferire è anche l’efferatezza dell’omicida, Pietro Maxyimilian Di Paola, 20 anni, che aveva premeditato nei dettagli il suo folle gesto. In una lettera scoperta dopo l’uccisione e il suicidio, il giovane raccontava di provare «un odio così forte da essere felice di sacrificare la propria vita per far provare all’altro la vera tristezza».

 

pietro alessandra omicidio suicidio 1

 

«ERA UN MOSTRO» – All’obitorio civico dove giungono per l’ultimo saluto ad Alessandra, gli amici non usano mezze misure. Il Giornale raccoglie oggi il loro pensiero in un articolo a firma di Paola Fucilleri. Gianandrea, compagno di classe della ragazza, afferma: «Un mostro: aveva progettato tutto nei minimi dettagli, con una cattiveria che non si riesce a descrivere perché è difficile anche solo immaginarla. Avete letto quandoscrive ‘Un odio così forte da essere felice di sacrificare la propria vita per far provare all’altro la vera tristezza’? È agghiacciante. Cos’ha di diverso in fondo il Dipa da quegli stalker che finiscono per ammazzare la moglie che li ha lasciati o la fidanzata che se n’è andata? Niente. Anzi è peggio. Perché lui era un ragazzo con la vita davanti, non un vecchio senza speranza, senza futuro. E poi non poteva decidere per l’Ale, non poteva, no».

 

LEGGI ANCHE: «Prima di ucciderla le ho fatto provare il terrore di perdere tutto»

 

«NESSUNO VADA AI FUNERALI DI LUI» – Non fa sconti nemmeno Francesco, che mentre scuote la testa dice: «Chissà come l’ha ridotta quel pazzo. Ha scritto anche: ‘Ho sfogato 7 anni di dolore in 45 minuti di terrorismo psicologico. (…) Le ho fatto provare il terrore di perdere tutto, amici, famiglia e futuro…’. Povera Ale! Nessuno deve andare ai funerali di quel ragazzo: non ha avuto pietà, ha deciso per lei e non ne aveva il diritto… Scriva, scriva che nessuno deve andare ai funerali del Dipa. Noi lo conoscevamo poco ma ci ha portato via la nostra amica, una ragazza meravigliosa, ce l’ha strappata».

(Foto da Facebook)