Gheddafi è morto: le reazioni di tutto il mondo

L’annuncio della cattura e della morte all’estero Risale a poche ore fa la notizia: l’annuncio di Al Jazeera ci informa...

L’annuncio della cattura e della morte all’estero

Risale a poche ore fa la notizia: l’annuncio di Al Jazeera ci informa che Gheddafi è stato catturato, ferito a entrambe le gambe. Dopo qualche minuto, i ribelli dicono che il dittatore è morto. Gheddafi è stato catturato in una buca a Sirte e davanti ai combattenti del Cnt ha urlato: ‘Non sparate, non sparate!’.

ALL’ESTERO - La notizia ha ovviamente fatto il giro del mondo e, dopo avervi riportato i dettagli in nostro possesso, vi mostriamo le homepage delle principali testate estere. Partiamo dal New York Times che titola: “Gaddafi è morto quando le truppe hanno raggiunto la roccaforte, dichiarano gli ufficiali”. Nel testo si spiega che il capo del consiglio militare libico che ha detto il colonnello Muammar Gheddafi è stato ucciso mentre i combattenti abbattevano le vestigia storiche del regime. Al-Jazeera TV ha mostrato quello che sembra essere il cadavere del colonnello e i libici hanno gioito.

Il Wall Street Journal scrive: “i ribelli libici dichiarano che Gheddafi è morto. Presa la città di Sirte. I combattenti ribelli rivelano di aver catturato il colonnello Gheddafi durante un’ultima spinta per conquistare il controllo della sua città natale, sirte, e l’ex dittatore è morto in custodia. Le rivelazioni non sono state ancora confermate dall’autorità di transizione del paese o dagli alleati occidentali, presente durante la rivolta lunga nove mesi”.

Passiamo a Politico.com: “La Casa Bianca vaglia i report secondo i quali Gheddafi è morto”. L’articolo ribadisce che non ci sono ancora conferme, ma anche la Nato è al lavoro per scoprirlo.

La BBC riporta: “Le forze libiche catturano Gheddafi. Le forze fedeli alle autorità di transizione della Libia dicono di aver catturato Muammar Gheddafi, alcune fonti rivelano che è stato ucciso”.

Si passa poi a El Pais: “I ribelli libici annunciano la morte di Gheddafi a Sirte. Il capo delle forze ribelli e il ministro dell’Informazione libico rivelano che il colonnello è morto. Un altro comandante ribelle aveva informato poco prima della cattura dopo la caduta della sua ultima roccaforte, Sirte. Gheddafi era nascosto da dopo la caduta di Tripoli in agosto. La NATO e gli Stati Uniti mantengono la prudenza sulle notizie giunte”.

El Mundo ripete “I ribelli annunciano la morte di Gheddafi”. A differenza delle testate precedenti, che si mantengono equilibrate fino a conferma, El Mundo apre in modo sicuro: “Muammar Gheddafi è morto. Più di 40 anni dopo aver preso il potere in Libia e dopo otto mesi di rivoluzione e guerra contro il suo regime dittatoriale, il colonnello è caduto giovedì nelle mani dei ribelli dopo aver subito un attacco aereo della NATO e in seguito è morto a causa delle lesioni alla testa e le gambe. La sua scomparsa è avvenuta lo stesso giorno in cui il Consiglio nazionale di transizione (CNT) ha annunciato la “liberazione” della Sirte, la sua città natale, la cui caduta segna la fine della guerra e l’inizio della transizione alla democrazia”.

Le Figaro scrive “Il consiglio nazionale di transizione libico conferma la morte del colonnello Gheddafi”.

Chiudiamo la panoramica con Le Monde: “Il colonnello Gheddafi catturato. Il CNT ha annunciato la sua morte. Muammar Gheddafi è stato catturato mentre cercava di fuggire Sirte. La sua morte è stata confermata dai nostri comandanti sul terreno a Sirte, dice il CNT.”