|

Il sito che ti fa affittare l’uomo perfetto

Donne, vorreste un uomo che farebbe per voi ciò che volete? Se la risposta è si, allora ManServants è il servizio che fa per voi. Avrete a disposizione un maschio che adorerà farvi dei complimenti, che vi asseconderà in ogni vostra richiesta e che si frapporrà tra voi e le difficoltà della vita. Per alcune, quindi, parliamo del fidanzato perfetto. Peccato però che si tratti di un servizio a noleggio.

man servants (2)jpg

NIENTE ESCORT – L’azienda, fondata da due copywriter, ha l’obiettivo di fornire a chiunque lo richieda un gentiluomo ben vestito che assolva le funzioni di guardia del corpo, accompagnatore e cavaliere. Non si tratta però di un servizio escort mascherato. Lo precisa Dalal Khajah, uno dei due fondatori, che sottolinea come il codice di condotta aziendale sia quantomai rigido e che tutti i candidati devono rispettare un rigoroso codice di comportamento. Niente effusioni sessuali con le clienti, quindi. Il servizio debutterà in autunno.

IN RISPOSTA ALLO SPOGLIARELLO – ManServants è nato da un lamento. Una collega dei fondatori al lavoro continuava a ripetere che il suo addio al nubilato doveva essere privo di uno spogliarello maschile. Khajah, insieme alla co-fondatrice Josephine Wai Lin, incapaci di comprendere per quale motivo esista la tradizione dello spogliarello visto che molte donne lo ritengano imbarazzante e poco sexy, hanno pensato ad un servizio che prevede la presenza di un uomo il cui compito è quello di fare tutto ciò che chiede la propria cliente, dal cameriere al padrone di casa.

 

LEGGI ANCHE: «La tecnologia non sostituisce l’amore»: lo spot che vuole farti commuovere

 

LE RICHIESTE – La varietà delle pretese delle clienti dimostra come l’uomo candidato debba essere a dir poco versatile. Wai Lin ha spiegato come ogni donna abbia differenti fantasie, emerse nel corso dei test. Una signora ha chiesto un amico gay con il quale discutere del proprio matrimonio, un’altra voleva una guardia del corpo fuori dal suo ufficio che controllasse i visitatori, un’altra voleva un uomo che le servisse del cibo e che allo stesso tempo cantasse brani de «La Sirenetta». L’unico obiettivo, concludono i fondatori, resta quello di divertire le donne senza costringerle ad uno spogliarello.