Belen, il video porno è ovunque

di - 13/10/2011 - Il “famoso” filmato in cui la modella argentina era stata ricattata è on line. Vero o falso? La notizia la dà Selvaggia Lucarelli sul suo profilo Facebook, con un annuncio che sembra un allerta: “Il disastro è accaduto. Il famoso

Il “famoso” filmato in cui la modella argentina era stata ricattata è on line. Vero o falso?

La notizia la dà Selvaggia Lucarelli sul suo profilo Facebook, con un annuncio che sembra un allerta: “Il disastro è accaduto. Il famoso video di Belen che fa sesso con l’ex fidanzato è stato messo online, mi hanno mandato il link poco fa. E’ pornografia pura, quindi fate attenzione perchè non è roba da guardare in ufficio. Io ho chiamato Corona ma ormai la bomba è esplosa. Per quello che mi riguarda, sul blog, almeno, non lo linko”.

E un video, nel link suggerito, c’è davvero. Dura 22 minuti. Si vedono due ragazzi che hanno un rapporto orale e poi uno sessuale, sorridendo ripetutamente alle telecamere. La ragazza protagonista somiglia effettivamente moltissimo a Belen Rodriguez, oggi apprezzatissima attrice e conduttrice tv in Italia, oltre che compagna di Fabrizio Corona. All’epoca, ovvero qualche mese fa, si era parlato di un presunto ricatto ai danni di Corona e la Rodriguez architettato da una persona che deteneva il filmato. E anche di una scazzottata tra il compagno della bellezza argentina e il presunto autore del ricatto.

Oggi il video finisce su un hosting video che riproduce contenuti sessualemente espliciti: ecco una fotografia “casta” del contenuto.

I commenti sono chiusi.

Ultime Notizie

1) Lo starnuto è il metodo naturale che ha il corpo umano di espellere elementi esterni proteggendo i polmoni e gli altri organi da infezioni ed agenti patogeni (Gettyimages)

7 cose che non sai sugli starnuti

22:35 E voi siete sicuri di sapere tutto sugli starnuti? Livescience ci propone sette curiosità utili per scoprire qualcosa di più su un riflesso estremamente naturale ma che al momento appare ancora sconosciuto in molti fattori. Ad esempio, perché CONTINUA