|

Fede su Dell’Utri: “Ci sono 70 conti che fanno riferimento lui…”

“Ci sono 70 conti esteri intestati a Dell’Utri”. E ancora “Guarda a Berlusconi cosa gli sta mangiando. Perche’ lui e’ l’unico che sa… Ti rendi conto che ci sono 70 conti esteri, tutti che fanno riferimento a Dell’Utri?”

E’ questa la conversazione tra Emilio Fede e Gaetano Ferri, il suo personale trainer, riportata dall’Ansa. La chiacchierata risale in realtà al 2012, è stata registrata da Ferri che l’ha poi portata ai magistrati di Monza. Anche se l’ex direttore del TG4 ha già smentito, sempre all’Ansa, il tutto. “E’ tutto falso, l’ho gia’ detto ai magistrati e ho denunciato quel truffatore per calunnia e minacce gravi”. “Ha manipolato le mie dichiarazioni” – ha aggiunto Fede

Dopo avere “ripulito” il sonoro dai rumori di sottofondo, a maggio la Procura lombarda l’ha mandata ai pm di Palermo. Ora l’intercettazione” e’ stata depositata agli atti del processo sulla trattativa Stato-mafia.

In realtà, alcuni molti brani del dialogo sono scarsamente comprensibili. “C’e’ stato un momento in cui c’era timore ….- dice Fede – Che loro hanno messo Mangano (il boss morto in carcere noto come lo stalliere di Arcore ndr) attraverso Marcello (Dell’Utri ndr)”.

Ma non finisce qui…”La vera storia della vicenda Berlusconi – prosegue – …mafia, mafia …soldi, mafia, soldi…Berlusconi”. “Si’, si’ – aggiunge Fede – Dell’Utri era praticamente quello che investiva…Chi puo’ parlare? Solo Dell’Utri”. “Mangano era in carcere. Mi ricordo che Berlusconi arrivando – dice Fede riportando una sorta di dialogo tra Berlusconi e Dell’Utri – ..’hai fatto?’…’si’ si’..gli ho inviato un messaggio..gli ho detto a Mangano: sempre pronto per prendere un caffè'”. “Era un messaggio per rassicurare lui su certe cose che non so..- spiega a Ferri – E devo dire che questo Mangano è stato un eroe. E’ morto per non parlare”

A questo punto, vista la scarsa comprensione del testo registrato e il fatto che siano parole comunque riportate, quanto questa intercettazione possa essere utile in un processo