|

L’ultima terribile foto del passeggero dell’aereo caduto in Ucraina

Con l’avvento dei social network si moltiplicano le possibilità di cogliere le ultime parole e le ultime immagini di una persona in tempo reale. Ed è quello che è accaduto con un passeggero olandese del 777 della Malaysian Airlines caduto in Ucraina e che ha causato 295 morti.

(Photocredit Facebook)
(Photocredit Facebook)

 

LEGGI ANCHE: Aereo Boeing della Malaysia airlines cade in Ucraina: 295 morti

 

DALLA GIOIA AL DOLORE – L’uomo ha pubblicato questa mattina sul proprio profilo Facebook, poco prima dell’imbarco, una fotografia dell’aereo scattata dal gate, per poi condividerla con gli amici. Un gesto naturale che farebbe ognuno di noi prima di una vacanza o di un lieto evento. I primi commenti, in olandese, sono quelli classici che vengono pubblicati in questi casi. Invidia, felicitazioni, battute. Con il passare delle ore ed il lancio delle prime agenzie, il divertimento lascia spazio alla paura, alle domande sull’orario di partenza, sul volo, sulla compagnia, nella speranza che non sia proprio quello l’aereo coinvolto. Una volta venuta alla luce l’amara verità resta la disperazione di parenti ed amici che salutano per l’ultima volta lo sfortunato passeggero che voleva solo condividere un momento di felicità. Un ultimo macabro accenno: il passeggero scrisse in olandese, come didascalia: «se dovessi scomparire, ecco com’era». Chiaro riferimento all’MH370, altro Boeing di Malaysia Airlines sparito nel nulla lo scorso marzo.