|

Temptation Island: il reality che porta il tradimento in tv

In questa estate piuttosto tiepida da un punto di vista meteorologico, ci pensa un reality show a scaldare gli animi dentro e fuori il piccolo schermo: Temptation Island, in onda nella prima serata del giovedì di Canale 5, sta registrando un certo successo di pubblico diventando sempre più popolare. E Maria De Filippi, che nel 2005 l’ha ideato e condotto per poi passare la mano all’ex gieffino Filippo Bisciglia, mette a segno un altro colpaccio.

Foto: Thinkstock
Foto: Thinkstock

TEMPTATION ISLAND: COS’È – Il meccanismo del reality è piuttosto semplice: si prendono cinque coppie e le si chiudono per tre settimane in un resort di lusso, in questo caso nel Golfo di Gaeta. Le coppie vengono divise, andando ad alloggiare in due ali separate del resort, dove dovranno resistere agli assalti di tentatori e tentatrici rigorosamente single, che faranno di tutto per indurre al tradimento reciproco le coppie protagoniste. Alcuni capitolano dopo le prime avances, altri resistono, ma il tradimento è sempre dietro l’angolo.

TEMPTATION ISLAND: IL TRADIMENTO – Già. Il tradimento. Un argomento talmente scottante da diventare addirittura il protagonista di un reality show, in grado di far scrivere a psicologi e sessuologi migliaia di pagine sul tema delle… corna. La domanda è sempre la stessa: perché uomini e donne tradiscono? Non sempre è facile rispondere a questa domanda: secondo Kate Figes, esperta di relazioni, chi tradisce lo fa in un momento di grande vulnerabilità emotiva, quando ci si trova ad affrontare momenti di stress o prove molto impegnative. Non solo. Chi tradisce lo farebbe anche per cercare, in qualche modo, di fermare il tempo: è il caso di quegli uomini che, pur continuando ad amarla, tradiscono la propria compagna subito dopo la nascita di un figlio.

TEMPTATION ISLAND: CHI TRADISCE VUOLE ESSERE SCOPERTO? – Una cosa sembra accomunare chi tradisce: il desiderio inconscio di essere scoperti. E, nel caso delle coppie protagoniste di Temptation Island, questo desiderio è talmente palese da farli andare addirittura in tv. Tempo fa, Brett Kahr, psicoterapeuta specializzato in rapporti di coppia, aveva spiegato che un tradimento non sarebbe che «un grido d’auto per far uscire allo scoperto le tensioni tra i due partner», la volontà di provocare un terremoto nella vita di coppia che renda entrambi capaci di provare nuove emozioni.

 

LEGGI ANCHE: Chi mette le corna vuole essere scoperto?

 

TEMPTATION ISLAND: E SE LE CORNA FACESSERO BENE? – Le corna come una specie di “terapia d’urto” per la vita di coppia? In alcuni casi può essere vero: e non è detto che, una volta scoperta la scappatella, la coppia debba per forza scoppiare. Se c’è l’amore e la volontà di ricucire lo strappo nonostante tutto, si può tentare di capire cosa non ha funzionato e ricominciare dall’inizio. Oppure elaborare il lutto, voltare pagina e imparare dai propri errori.

TEMPTATION ISLAND: QUESTIONE DI SESSO O DI NOIA? – Non si tradisce solo per il sesso, quindi, anche se quella può essere la molla più forte per spingere qualcuno a provare il “brivido” di una relazione segreta. E non c’è bisogno di scomodare la biologia, con bizzarre spiegazioni sul fatto che l’uomo sia geneticamemente programmato per avere più partner mentre la donna sarebbe stata “progettata” per la monogamia. In realtà, secondo un sondaggio condotto tempo fa sull’edizione americana dell’Huffington Post, la vera nemica della fedeltà coniugale sarebbe solo una: la noia.

(Photocredit copertina: mediaset.it)