|

Omicidio Yara, il supertestimone che “aiuta” Bossetti

Il supertestimone ce confermerebbe la versione del presunto Killer di Yara Gambirasio, Massimo Giuseppe Bossetti, sarebbe una donna vicentina, la quale sostiene che l’omicidio della ragazzina sarebbe avvenuto nell’ambito di una vendetta contro il padre.

Spada/ LaPresse
Spada/ LaPresse

Leggi anche: Yara, il “nuovo” dna sui leggins potrebbe essere decisivo

LA SUPERTESTIMONE – La donna avrebbe raccolto alcune confidenze dei genitori di Yara, a casa loro e in presenza di altri testimoni: a quel tempo la supertestimone era entrata in contatto con i genitori della 13 enne scomparsa, in questo si era resa disponibile ad aiutare la famiglie nelle ricerche. Ha rilasciato la sua testimonianza all’avvocato vicentino Agron Xhanaj, il quale ha provveduto a inviare il verbale al pubblico ministero di Bergamo titolare delle indagini.