|

Il video che mostra come funziona Mare Nostrum

A bordo della fregata Bergamini, il giornalista della BBC Matthew Price documenta uno dei salvataggi di migranti avvenuto nelle scorse settimane nel acque del canale di Sicilia. Il video, girato con uno smartphone, è accompagnato dal commento del giornalista inglese che descrive le varie fasi del salvataggio, sottolineando la pericolosità dell’operazione. Si tratta di un documento che testimonia una delle tante operazioni del programma italiano Mare Nostrum: in questo caso il barcone avrebbe a bordo quasi trecento persone.

 

YouTube/BBC - Matthew Price
YouTube/BBC – Matthew Price

 

«LA BARCA È PIENA DI GENTE» – «La barca è piena zeppa di gente – spiega il giornalista – ci sono duecentosettanta persone a bordo. Ci hanno detto che la maggior parte di questi migranti arrivano dalla Siria. Crediamo che tra loro ci siano diciotto bambini e ventitré donne. L’equipaggio della Bergamini ha dato loro dei giubbotti di salvataggio». Le operazioni di salvataggio, spiega Price, vedono il coinvolgimento di diverse unità della Marina Militare italiana. I primi a essere trasbordati sono i bambini, mentre il capitano della Bergamini sovrintende i lavori che, sottolinea il giornalista, sono comunque ad alto rischio. Accanto al barcone ci sono diversi gommoni, pronti a intervenire in caso qualcuno dovesse cadere in mare.

 

Guarda le foto: 

 

LEGGI ANCHE: Lampedusa cuore d’Europa

 

«CI SONO VOLUTE ORE» – Matthew Price spiega che non si sa con certezza da dove sia partito il barcone: si suppone dalle coste del Nord Africa, come tutte le altre imbarcazioni che, in questi mesi, hanno raggiunto le coste di Lampedusa e della Sicilia. Dopo qualche ora sul barcone rimangono ancora una settantina di uomini: uno per uno vengono fatti scendere e salire un’imbarcazione d’appoggio e poi portati sulle navi più grandi. «Sta andando tutto liscio – conclude Price – Ci sono volute ore e probabilmente ce ne vorrà ancora una prima di portare in salvo tutti i migranti a bordo».

 

Guarda il video:

 

(Photocredit copertina: YouTube / Bbc / Matthew Price)