|

La storia segreta dell’album perduto di Britney Spears

Gli uffici della stazione radio KIIS-FM di Burbak, California, erano quasi deserti quando Britney Spears chiamò: era il dicembre del 2004, poco prima di capodanno e il conduttore Jesse Lozano stava cercando un ospite, visto che quello previsto non era potuto andare alla sua trasmissione. Britney Spears voleva presentare una sua nuova canzone. Lozano pensò che si trattasse di uno scherzo, ma dopo un’ora la cantante arrivò in compagnia del suo chihuahua, una guardia del corpo e – secondo quanto riferito da Lozano a Buzzfeed – senza scarpe. Con sè aveva un compact disc «possiamo trasmetterlo?» chiese la cantante, la quale disse che l’album non aveva ancora un titolo, ma che probabilmente si sarebbe chiamato “Original Doll” e che doveva essere ancora completato. Dopo uno scambio di battute, la Spears introdusse il suo nuovo pezzo intitolato “Mona Lisa”

MONNA LISA – Quella fu la prima e l’ultima volta che il pezzo venne trasmesso alla radio. Un rappresentante di Jive, l’etichetta discografica della Spears, disse a Billboard che la canzone non sarebbe mai più stata trasmessa in radio e che non era prevista l’uscita di alcun album, aggiungendo però che la Spears stava lavorando a del nuovo materiale in studio. Da quel momento sarebbero passati tre anni, due ricoveri in clinica di riabilitazione e un divorzio prima dell’uscita di un altro album, ma di “Original Doll” nemmeno l’ombra, a parte la canzone “Mona Lisa”. Negli anni a venire, i fan hanno creato delle finte copertine del fantomatico album mettendo insieme delle tracklist di b-sides. Alcuni ex dipendenti della Jive hanno detto a Buzzfeed di non essere mai stati al corrente dell’album e che a suo tempo non era previsto che uscisse nulla: tutto quello di cui parlava la Spears riguardava un suo progetto personale. Le persone che hanno lavorato con la cantante prima di “Mona Lisa” hanno detto che voleva essere coinvolta maggiormente nel processo di songwriting. Secondo la songwriter Michelle Belle, La spears, che usciva dalal relazione con Justin Timberlake, voleva sperimentare ed era intenzionata a scrivere dei pezzi R&B con contenuti impegnati. Nel 2003 usciì il suo album “In the Zone” che arrivò primo in classifica. Poco dopo però l’artista divenne famosa per la sua vita privata. Nel gennaio del 2004 si rimase sposata per 55 ore all’amico d’infanzia Jason Alexander e le riviste si chiedevano se l’artista fosse fuori controllo, anche perché i suoi spettacoli erano sempre più spinti, per esempio quando si presentò con una tutina color carne e quando si baciò in biancheria intima con un ballerino. Tuttavia sembrava che la Spears non gradisse molto andare in tour, saltava i sound check e sul palco non dava il massimo.

Leggi anche: I 21 segreti che non sapevi delle canzoni più famose del mondo

ORIGINAL DOLL – Si risollevò quando conobbe Kevin Federline, un ballerino che le fece tornare felice e con il quale si sposò. In questo periodo provò “Mona Lisa” durante il sound chek prima di uno dei suoi spettacoli, ha detto Stephanie Alexander, che era una corista della Spears, la quale è convinta che fosse una risposta a “Cry me a River”, il pezzo di Justin Tiberlake che parlava della rottura della relazione con la cantante. “Mona Lisa venne registrata in Svezia durante una tappa del tour, che venne in seguito annullato perché la Spears si  fece male al ginocchio sinistro registrando il video di “Outrageous”, anche se in molto credono che non fosse quello il vero motivo. Nel 2005 uscì un EP chiamato Chaotic, il quale contiene una versione rivisitata di Mona Lisa e che potrebbe essere la cosa più vicina a quello che dovevsa essere “Original Doll”. I produttori che hanno lavorato al progetto, Bloodshy & Avant e Guy Sigsworth, hanno però rifiutato di commentare la notizia.