|

Vuoi sentire una versione inedita di Whole Lotta Love?

È una delle canzoni più famose e amate dei Led Zeppelin, inconfondibile fin dalle prime note grazie a uno dei riff di chitarra più memorabili della storia del rock. È Whole Lotta Love: un brano che oltre a rappresentare un pezzo di storia della musica, è famosa al grande pubblico per essere stata per anni la sigla di apertura del popolare programma musicale Top of The Pops. Ebbene, i fan del gruppo britannico possono scaldare i motori in vista dell’imminente uscita della ristampa di Led Zeppelin II, che conterrà una versione inedita di Whole Lotta Love.

Whole Lotta Love Led Zeppelin
I Led Zeppelin nel 1973 (Foto: Getty)

UNA VERSIONE INEDITA DI WHOLE LOTTA LOVE – Secondo quanto riporta il Guardian – che offre il brano in anteprima per i lettori britannici – si tratta di una versione «in lavorazione» del brano, dove non si sente la «slide guitar» durante il ritornello, senza cori e con la batteria che suona diversamente. Michael Hann ha definito questa chicca come «un affascinante viaggio nei Led Zeppelin», che va ad arricchire la ristampa dei primi tre album della band. Il disco, che si chiama semplicemente Led Zeppelin II, uscirà il prossimo 2 giugno con etichetta Atlantic/Swansong, in contemporanea con Led Zeppelin I e III, ed è anticipato da un trailer per il web in cui riecheggiano le potenti note di Whole Lotta Love.

 

LEGGI ANCHE: Kurt Cobain e il biglietto in cui diceva “puxxana con i brufoli” a Courtney Love

 

IL RIFF DI JIMMY PAGE – Registrata nel 1969, Whole Lotta Love è un brano controverso: come spiega ancora Hann, il testo di Robert Plant è preso a quasi a piene mani da You Need Love, canzone scritta da Wille Dixon e registrata poi da Muddy Waters nel 1962. Per questo Dixon face causa ai Led Zeppelin nel 1985, e la cosa si risolse con un’accordo extragiudiziale. In seguito Plant disse semplicemente che «Il riff di Page era il riff di Page. Prima di quello non c’era nulla. Ho solo pensato, cosa posso cantare? È stata una sgraffignata. E ora abbiamo felicemente pagato».

(Photocredit copertina: Getty Images)