|

Secret, il social network tutto anonimo per condividere i segreti

Si chiama Secret, e da oggi invade ufficialmente gli smartphone e i browser di milioni di utenti di Regno Unito, Irlanda, Australia e Nuova Zelanda: un nuovo social network completamente anonimo che permette ai suoi utenti di veicolare informazioni «scottanti» e di riceverne dei propri amici.

secret 2

SECRET, IL SOCIAL NETWORK ANONIMO – Il funzionamento di Secret non è diverso da quello di Facebook: gli utenti possono condividere brevi messaggi di testo e immagini con tutti gli appartenenti alla propria rete di amici, ma senza che il sistema riveli chi li abbia scritti in realtà. Secret, racconta il Guardian, è stato lanciato negli Stati Uniti lo scorso 30 gennaio per «avere il polso della situazione» e prepararsi al lancio verso una platea di utenti più ampia: «Il passo più logico – ha detto Chrys Bader-Wechseler, co-fondatore di Secret – Era aprire le porte al Regno Unito. Lui e il socio David Byttow, entrambi ex dipendenti di Google, hanno cominciato a lavorare al nuovo social network, raccontando anche che – a differenza di Facebook – il sistema non farà mai sapere il numero di utenti reali che si sono registrati sulla piattaforma.

«UN NUOVO MODO DI COMUNICARE» – Secondo Bader-Wechseler, Secret funzionerà come una «talpa» ma questo aspetto peculiare non dovrebbe intaccare la natura «gossippara» dell’intera piattaforma. «Si tratta di un nuovo livello di comunicazione – ha precisato – Fino ad oggi non c’è mai stato un modo per condividere quello che pensi senza che i tuoi amici e conoscenti leggano e ti giudichino. È per questo che molta gente, su Facebook, scrive status e poi li cancella. E sopratutto, i commenti che arrivano dagli altri utenti di Secret sono pieni di sostegno, specialmente quando qualcuno condivide qualcosa che trasuda ansia o depressione. C’è anche chi segnala dottori o professionisti in zona, per cercare di aiutare chi ne ha bisogno».

 

LEGGI ANCHE: La cura sudcoreana per gli adolescenti dipendenti da smartphone

 

A PROVA DI BULLI – E i bulli? Bader-Wechseler su questo punto sembra non transigere: «Adottiamo la linea dura: quando un contenuto viene segnalato, questo viene controllato e se viene considerato come un contenuto realmente offensivo o pericoloso viene rimosso immediatamente. E un’altra cosa importante riguarda il fatto che sulle altre piattaforme un utente ha vite ‘infinite’: se viene ‘bannato’ può ritornare con un altro nome. Su Secret, invece, se un utente viene rimosso, lo si fa partendo dal suo numero di telefono, rendendo più difficile il ritorno di un utente molesto sotto falso nome».

(Photocredit: Secret)