|

La rissa verbale fra George Clooney e Steve Wynn

Gawker ci parla di una rissa verbale che ha visto protagonisti George Clooney e Steve Wynn, imprenditore nel settore alberghiero, nel corso di una cena a Las Vegas. Tutta colpa, se così si può dire, di Barack Obama, protagonista inconsapevole della vicenda e che ha visto la difesa nei suoi confronti da parte di Clooney.

La rissa verbale scatenata da George Clooney per difendere Obama

 

L’ATTACCO AL PRESIDENTE OBAMA – Tutto è avvenuto poche settimane fa in un ristorante di Wynn le cui conseguenze si pensava potessero essere contenute all’evento, se non fosse successo che entrambi hanno rilasciato una dichiarazione al Las Vegas Review-Journal. Clooney ha accusato Wynn di avere dato vita al tutto dopo aver insultato il presidente Obama dandogli dello «stron*o». Clooney ha sbottato dicendo che il Presidente è un suo amico, con Wynn che prontamente gli ha detto: «allora il tuo amico è uno stron*o».

 

LEGGI ANCHE: Luciana Littizzetto vuole girare con la lingua il caffè di George Clooney

 

LA DIFESA DI WYNN – A quel punto, continua Clooney, ha dato dello «stron*o» a Wynn aggiungendo che non sarebbe rimasto al tavolo con una persona simile, ribadendo di essere stato offeso dalle parole rivolte a lui e ad Obama. Da parte sua Wynn ha detto che Clooney è un ubriaco in grado di arrabbiarsi anche su una battuta rivolta a Gorbaciov. «Quando beve si considera un amico personale del Presidente. Mi sono alzato dal tavolo e me ne sono andato perché non volevo sentire certe parole. L’unico divertito sembrava George tanto che si è diretto subito verso un altro bar. Peccato, George è una persona magnifica ma quando inizia a bere si spera di andare via il prima possibile».