|

Ottoemezzo con Roberto D’Agostino e il massone

OTTOEMEZZO, LE CARICHE PUBBLICHE E LA MASSONERIA – Parte il punto di Paolo Pagliaro, nel quale si sostiene che la massoneria è molto radicata negli incarichi pubblici e che conti molto più di quanto si immagini. Bisi sostiene che «non mi risulta che ci siano massoni nel governo Renzi» e che in caso contrario «non ci sarebbe nulla di male». Per D’agostino vi sono dei movimenti che operano al di là di quello che vediamo. Bisi invece dice che alla base delle preoccupazioni vi siano il rispetto della persona, della cultura, della scuola pubblica. Nega che il Grande Oriente si occupi minimamente delle nomine pubbliche. Sostiene che durante le riunioni massoniche uno parla e gli altri ascoltano, cosa che non succede nei partiti. Bisi conclude invitando di conoscere meglio la massoneria, anche visitando il loro sito internet.

 

 

 

 

 

ottoemezzo

OTTOEMEZZO, LE SPESE PER I MASSONI E LA P2 – Bisi per essere Gran Maestro guadagna 129 mila euro lordi all’anno e ogni anno ogi fratello deve versare circa 400 euro. Bisi pensa che un’esperienza come la P2 non si possa ripetere perché i controlli da parte del Grande Oriente si sono infittiti. D’Agostino sostiene che Gelli «uno che vende materassi a Frosinone» fosse una testa di legno e che non potesse essere davvero lui a «comandare l’Italia»

 

 

 

 

 

ottoemezzo 4

OTTOEMEZZO E LA CULTURA DEL MERITO – Bisi sostiene che se dovesse scegliere tra due giornalisti e uno dei due è massone, sceglierebbe quello più bravo, anche se l’altro è massone. Sostiene che non vi sono donne nella massoneria per motivi storici «siamo radicati alle tradizioni». Crede che per cambiare una tradizione ci sono dei percorsi da intraprendere, in questo caso molto lunghi. Bisi sostiene che tra massoni ci si sostiene «nei limiti del lecito», raccontando di aver fatto 30 chilometri per anni per accompagnare un fratello cieco per cui la massoneria era una ragione di vita. Bisi racconta che nel 77 decise di aderire perché un giornale pubblicò i nomi dei maestri venerabili. Si incuriosì e dopo aver incontrato un massono chiedendo di entrare. Dopo quattro anni venne ammesso.

 

 

 

 

 

ottoemezzo

OTTOEMEZZO E LA MASSONERIA –  La Gruber chiede come deve chiamare il gran Maestro, che chiede di essere chiamato “Stefano”, D’Agostino fa dell’umorismo e interviene con «bellicapelli». Bisi spiega che gli affiliati della massoneria sono segreti come quelli di altre associazioni. Dice che i responsabili sono noti, così coem le sedi. Ha detto che Rimini avrebbero potuto partecupare all’incontro con tutti i fratelli associati alla massoneria. D’Agostino ha detto che intorno al 2000 aveva deciso di diventare massone, ma la sua domanda non venne presa in considerazione. Crede che a parte lo scandalo della P2, la massoneria ha portato all’unità d’Italia. Bisi sostiene che la massoneria non distribuisce poltrone «il potere della massoneria è quello di far emozionare». Norberto Bobbio disse che la democrazia non è compatibile con un potere come la massoneria. Per Bisi la massoneria è una palestra per la laicità che serve a «migliorare noi stessi e migliorando noi stessi possiamo migliorare l’umanità». Per D’Agostino la massoneria è qualcosa di più concreto, ma non deve essere criminalizzata, anche se poi fa un parallelismo con la mafia. D’Agostino sostiene che al governo si sono susseguite massonerie di destra e sinistra, mentre per Bisi sta semplificando.

 

 

 

 

 

 

ottoemezzo

OTTOEMEZZO, LA PRESENTAZIONE – Oltre alle grandi riforme Renzi deve risolvere la nomina dei nuovi vertici della aziende pubbliche. Si dice sempre che i poteri forti in questi casi si mettono in azione. La Gruber si chiede se in questo caso «la massoneria è in azione?». La presentatrice ne parlerà insieme al Gran Maestro del Grande Oriente Stefano Bisi e Roberto D’Agostino, che si è autodefinito “Gran Bidello”.

 

 

 

 

 

 

OTTOEMEZZO, GLI OSPITI – Questa sera a Ottoemezzo, il programma condotto da Lilli Gruber e in onda su La7 a partire dalle 20.30 saranno ospiti il giornalista Roberto d’Agostino ed Il Gran Maestro della loggia massonica Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi.

LEGGI ANCHE: Ottoemezzo con Corrado Augias e Federica Mogherini

 

ottoemezzo