|

La bufala del libro in pelle umana ritrovato ad Harvard

Gawker ci racconta di una bufala che ha spopolato nei corridoi dell’università di Harvard relativa alla scoperta nella biblioteca di legge di tre libri rilegati con una copertina di pelle umana, appartenente ad un uomo scorticato vivo nel diciassettesimo secolo.

La bufala dei libri in pelle umana ritrovato ad Harvard

LA BUFALA – Il libro in questione, dal titolo «Practicarum quaestionum circa leges regias» ha un’interessante iscrizione nella pagina finale, che recita:

La copertina di questo libro è tutto ciò che rimane del mio caro amico Jonas Wright, scorticato viva dai Wavuma nel quarto giorno d’agosto, 1632. Il re Mbesa mi ha donato il libro, una delle poche cose in possesso di Jonas, insieme a molta pelle così da poterli rilegare. riposa in pace.

Ma probabilmente l’iscrizione in questione altro non era che uno scherzo in quanto da test effettuati dall’università è emerso che la pelle in questione era di pecora.

L’ANALISI – Daniel Kirby, scienziato di Harvard, ha analizzato la copertina in questione con una tecnica particolare, la «peptide mass fingerprinting», che consiste nell’identificazione di una proteina scissa in brevi segmenti peptidici dal quale poi si deduce la sua identità confrontando i peptidi con un database di riferimento. Il test, effettuato su nove parti diverse del libro, ha dimostrato che la pelle in questione non è umana. A seguito di accurate ricerche è emerso che i libri sospettati di essere rilegati in pelle umana sarebbero tre ma non ci sono certezze in merito.

 

LEGGI ANCHE: Tutti i pesci d’aprile del 2014

 

GLI ALTRI CASI – Nella fattispecie, i due libri in questione sono la Metamorfosi di Ovidio, scritta in francese, sulla cui copertina interna è specificato come il testo sia stato rilegato in pelle umana, ed un saggio del Poeta francese Arsène Houssaye, dal titolo «Des destinées de l’ame…» che secondo una nota è stato rilegato nel 1890 usando la pelle di una francese ricoverata in un centro d’igiene mentale e successivamente morta a causa di un ictus. Ed a quanto pare Harward, per togliersi ogni dubbio, analizzerà anche questi altri due libri. (Photocredit Gawker / Roadtrippers)