|

L’anima nera dei no euro

I no euro di Alternativa per la Germania lottano contro la collocazione nella destra populista che diversi media propongono quando parlano di loro. Una posizione che però è resa contraddittoria da diversi militanti di simpatie radicali, come dimostra il caso che riguarda il razzismo di un dirigente dei giovani no euro. La fuga di diversi esponenti di spicco contro l’autoritarismo di Bernd Lucke rafforza però l’anima nera di AfD.

no euro nazi 1

NO EURO E IL RAZZISMO – Il vice presidente di Giovane Alternativa, Junge Alternative, la sezione giovanile del partito no euro tedesco si è dimesso dopo che è emerso il suo passato in un’organizzazione universitaria accusata di simpatie naziste. Benjamin Nolte ha lasciato l’incarico dopo che è scoppiato il caso di una sua pesante provocazione razziale. Quando era all’università, confrontandosi con una confraternita rivale che aveva tra i suoi membri una persona nera, ha lanciato una banana utilizzando epiteti razzisti che denigravano il colore della sua pelle. Nolte aveva ammesso l’episodio, chiedendo scusa e esprimendo rammarico per un’intemperanza provocata dall’eccessivo alcol in corpo. Una giustificazione che però non è stata sufficiente a fargli mantenere l’incarico di vice presidente dei giovani no euro, visto che  all’inizio di questa settimana ha abbandonato il posto ottenuto al primo congresso di JA, acrononimo che vuole dire anche sì, in tedesco. Come rimarca Die Zeit, il caso di Nolte non sarebbe isolato, e diversi esponenti dei giovani no euro avrebbero militato in organizzazioni sospette di simpatie radicali.

ANIMA NERA DEI NO EURO – Secondo il settimanale tedesco ci sono diversi dirigenti di Alternativa per la Germania che non corrispondo affatto all’immagine di destra  moderata che Lucke ha voluto lanciare all’ultimo congresso svoltosi settimana scorsa ad Erfurt. Die Zeit cita in questo senso l’evento con Nigel Farage, il leader dei populisti britannici dello Ukip, organizzato a Colonia, così come le tesi del commissario che ora guida la sezione della Nordreno-Vestfalia di AfD. Hermann Behrendt ha infatti scritto un libro nel 2012, in cui propone di cancellare il Parlamento e sostituirlo l’attuale democrazia rappresentativa con l’elezione diretta del governo. Ma è particolarmente gravoso, secondo Die Zeit, il numero consistente di persone che hanno militato nelle confraternite universitarie, covo di simpatie nazionaliste, se non naziste, e accusate di numerosi episodi a sfondo razziale.

LEGGI ANCHE: I no euro tedeschi dicono no a Marine Le Pen

I NO EURO ARIANI – In Germania le società studentesche, chiamate Burschenschaft, sono guardate con grande sospetto vista la loro ideologia che sconfina nell’estrema destra. Un dipendente della sede centrale di AfD, Philipp Runge, è stato un portavoce di una confraternita di Berlino, la Gothia, associazione che secondo la locale Spd è incompatibile con i valori della democrazia. Un altro avvocato che appartiene al comitato dei garanti della sezione del Baden-Württemberg è stato dirigente di Saxo-Silesia. Ha interrotto la telefonata con Die Zeit quando gli è stato chiesto come questo suo passato fosse compatibile con l’iscrizione ad un partito democratico. Il vice presidente di JA in NRW, la sezione che ha invitato Farange, ha militato in una Burschenschaft dove era stato richiesto di riservare l’iscrizione ai soli ariani, così da escludere chi non avesse sangue tedesco nelle vene. A questa confraternita dall’aura neonazista appartengono diversi dirigenti delle sezioni di AfD di NRW e Renania-Palatinato.  Il caso più clamoroso di questa militanza nella destra radicale riguarda Ulrich Welckle, che è stato iscritto tre anni, e si è candidato, tra i Repubblicani, un partito di chiara ispirazione neonazista, ora sempre più marginale.