|

L’Wren Scott: la domestica racconta i retroscena sulla morte della compagna di Mick Jagger

«Mi diceva che avrebbe voluto sposarsi e farsi una famiglia, ma che non voleva farsi troppe speranze con Mick. Non voleva metterlo sotto pressione. Aveva sempre sognato di avere fama, fortuna e denaro. Con lui aveva tutto questo». All’indomani del ritrovamento del corpo senza vita di L’Wren Scott in un appartamento di Manhattan, a rivelare i pensieri più intimi della stilista e compagna di Mick Jagger è Lupe Montufar, che della Scott è stata governante a tempo pieno tra il 1993 e il 2009.

L'Wren Scott suicidio (9)
L’Wren Scott e Lupe Montufar (Photocredit: CARLOS DELGADO/NEW YORK DAILY NEWS)

«AVEVA SACRIFICATO MOLTE COSE PUR DI STARE CON MICK» – Secondo quanto rivelato dalla Montufar al New York Daily News, L’Wren si sarebbe «sacrificata moltissimo» per proteggere la sua relazione con Jagger. L’ex governante ha affermato di non conoscere i dettagli dietro quello che è stato definito un «apparente suicidio», ma ha spiegato che il frontman dei Rolling Stones sarebbe stato per la Scott una figura centrale della sua vita: «Ha sacrificato molte cose per stare con lui – dice ancora la Montufar – Alcuni anni fa pensava che sarebbe stata con lui per sempre e che sarebbero stati una famiglia». E ancora, la Scott sarebbe stata al corrente che Jagger la tradiva: «Sapeva che c’erano anche altre donne, ma lo accettava pur di poter stare con lui».

Guarda le foto: 

 

LEGGI ANCHE: Il bambino di quattro anni ammazzato nell’agguato di mafia a Taranto

 

«LUI LA TENEVA SOTTO INCANTESIMO» – Più che una semplice domestica, Lupe Montufar era la confidente della Scott: in diverse occasioni l’avrebbe aiutata «quando non stava bene» ma non avrebbe mai saputo che la sua datrice di lavoro sarebbe stata clinicamente depressa. La Montufar avrebbe smesso di lavorare per la Scott quando quest’ultima aveva venduto la sua casa di Los Angeles per spostarsi tra New York e l’Europa ed essere più vicina a Jagger, ma avrebbe continuato a seguire la carriera della stilista: «Quando era più giovane era molto divertente e sopra le righe. Poi con Mick era diventata più tranquilla – dice Lupe – Era come se lui la tenesse sotto un incantesimo».

 

(Photocredit: Getty Images)