|

Laura Boldrini contro Virginia Raffaele per l’imitazione della Boschi

«Mi è dispiaciuto di vedere la satira» sul ministro Maria Elena Boschi, «ci sono tanti modi per fare satira ma quando si cede al sessismo la satira diventa qualcos’altro». Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini a ‘In Mezz’ora’ rispondendo ad una domanda sulle critiche di Michele Anzaldi sull’imitazione di Boschi trasmessa martedi’ scorso a Ballarò». E sull’imitazione di Francesca Pascale, Boldrini aggiunge: «Non l’ho vista ma se aveva gli stessi accenti sessisti mi sarebbe dispiaciuto».

virginia-raffaele-maria-elena-boschi

LAURA BOLDRINI DA LUCIA ANNUNZIATA – «Io sono una presidente della Camera totalmente diversa ed anomala. Non ho pedigree politico né sono al vertice di un partito. Se così è stato in passato, èla volta buona che le cose cambieranno…». Così Laura Boldrini risponde a ‘In mezz’ora’ chi le chiede quale pensa possa essere il suo futuro visto che ultimamente la presidenza della Camera ha in qualche modo portato male a chi la ha occupata alla fine della propria esperienza al vertice di Montecitorio.

LAURA BOLDRINI E LA LEGGE ELETTORALE – Laura Boldrini si dice «certa che domani si esauriranno i lavori» sulla legge elettorale alla Camera. «Ce lo auguriamo fortemente, e siamo organizzati perche’ nella giornata il percorso si esaurisca», aggiunge partecipando ad “In mezz’ora”. «Abbiamo ancora 100 emendamenti da votare con i tempi contingentati per circa 8 ore. Certo, quando i gruppi chiedono un aumento dei tempi viene concesso. Succederà ancora perché la posta in ballo è alta ed e’ giusto. E’ una giornata cruciale per il Paese”, conclude la presidente Boldrini.