|

«Solo un miracolo salverà Michael Schumacher»

Secondo i medici che hanno in cura Michael Schumacher, ancora ricoverato in coma all’ospedale di Grenoble dopo la caduta sulle nevi di Meribel lo scorso dicembre, solo un miracolo potrebbe salvare il sette volte campione del mondo.

«Solo un miracolo salverà Michael Schumacher»

 

POCHISSIME SPERANZE – Come riporta il Telegraph, l’equipe medica avrebbe già dato la notizia alla famiglia. Il campione ha avuto gravi danni cerebrali a seguito della caduta in cui ha colpito un masso con il lato destro della testa, rompendo il casco e procurandosi ferite cerebrali gravissime. Subito dopo è stato ricoverato all’ospedale di Grenoble dove è stato indotto in uno stato di coma che dura da 69 giorni. Secondo alcune fonti vicine alla famiglia la moglie Corinna ed il fratello Ralf si sono rivolti ai più importanti specialisti in ambito cerebrale d’Europa, ricevendo da tutti poche speranze su un possibile recupero del loro congiunto.

 

LEGGI ANCHE: «Michael Schumacher respira da solo»

 

SCHUMI È ANCORA IN FASE DI RISVEGLIO – La famiglia sa che secondo i medici francesi che hanno in cura Schumacher ci sono poche possibilità che possa riprendersi ed iniziano a temere che il pilota possa rimanere in stato vegetativo per il resto della sua vita. Secondo gli esperti il coma indotto, generalmente, dura mediamente tre settimane. Lo staff di Schumacher dal canto suo insiste nello spiegare che i medici stanno riducendo il coma farmacologico e che si trova ancora in una fase di risveglio. Ed in un apposito comunicato diffuso dal suo portavoce, Sabine Kehm, il pilota è ancora in quella fase e non c’è stato alcuni risveglio.

SI ATTENDE UN COMUNICATO UFFICIALE – L’ospedale dal canto suo sta rispettando le richieste della famiglia Schumacher e non diffonde notizie sullo stato di salute del sette volte campione del mondo. Tuttavia, secondo alcune fonti vicine alla famiglia, le prospettive non sono buone. Un giornalista tedesco ha rivelato che la moglie, il fratello ed i figli sanno che solo un miracolo può salvare Schumi, aggiungendo però che fino a quando la famiglia non emetterà un comunicato ufficiale, non si potrà dire niente. Un’altra fonte ha aggiunto che secondo i medici a volte i miracoli avvengono ma che questo non sembra il caso. Qualche giorno fa il magazine tedesco «Focus» ha parlato di probabili complicazioni legate al risveglio di Schumacher tali da indurre i medici a bloccare il processo riconducendo il pilota in uno stato di coma indotto.

IL PERICOLO DISABILITÀ – La circostanza è stata però smentita dalla famiglia. Secondo i medici esperti di coma la scorsa settimana doveva essere cruciale per il risveglio del pilota in quanto avrebbe dovuto dare lui stesso segnali incoraggianti. Ma purtroppo le cose si stanno complicando. I medici hanno paura che il perdurare di questa situazione possa portare il pilota a contrarre una polmonite per via dei fluidi all’interno dei polmoni. E a placare ulteriormente ogni speranza ci ha pensato Gary Hartstein, già medico in Formula Uno, che spiegato come generalmente i pazienti sottoposti ad un periodo di coma tanto lungo conservano mantengono gravi disabilità. (Photocredit Lapresse)