Il Partito Animalista contro Beppe Grillo

PARTITO ANIMALISTA EUROPEO BEPPE GRILLO

Sì, fa ridere ma è drammatico (cit.)

“Grillo ha espulso nove parlamentari per questioni di opinioni divergenti dal movimento pentastellato ma non ha espulso la senatrice Elena Fattori rea di essere proponente e relatrice di un documento pro vivisezione approvato al Senato”. E’ l’accusa che lancia il Partito Animalista Europeo al leader M5s accusato di tradire il programma del movimento contrario alla sperimentazione animale.

IL PARTITO ANIMALISTA EUROPEO CONTRO GRILLO – “L’azione della Fattori e’ da considerarsi molto piu’ grave poiche’ nei fatti concreti e non a parole si e’ posta contro il M5s. Evidentemente Grillo approva l’operato della sua senatrice a favore della sperimentazione animale” dice il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli che accusa: “In Commissione XIV la senatrice M5S e’ assieme a Giovanardi, grande sostenitore della vivisezione e della lobby farmaceutica; del resto la Fattori non rinnega la sua professione di biologa con vent’anni di sperimentazione animale”. Fattori, afferma ancora, si e’ espressa contro l’iniziativa dei cittadini europei StopVivisection, volta ad eliminare la sperimentazione animale, “adducendo motivazioni false pretestuose e fuorvianti”. (ANSA)