Il sito porno per i diritti degli animali

Sembra che la PETA sia pronta a lanciarlo Cosa non si fa per far parlare di sé. La Peta, organizzazione...

Sembra che la PETA sia pronta a lanciarlo

Cosa non si fa per far parlare di sé. La Peta, organizzazione statunitense che si batte per i diritti degli animali mostrando spesso modelle nudeo scarsamente vestite, è pronta a lanciare un sito .xxx per “richiamare l’attenzione sulla situazione degli animali”.

UN SITO CON DOMINIO - In realtà non è chiarissimo quello che sta accadendo. Secondo alcuni, l’intenzione della Peta sarebbe quella di fare quello che stanno facendo anche altre aziende: acquistare i domini XXX che a breve saranno messi a disposizione degli utenti per proteggere i loro marchi. Un’intenzione che hanno anche i no-profit, che però, per decisione dell’Icann, non dovranno pagare per proteggere i loro domini.  MTV Networks è stata tra i primi marchi a muoversi per proteggere nomi come VH1 e Comedy Central. “Si tratta di un problema unico”, ha detto il portavoce Mark MTV Jafar in un comunicato inviato via email. Se è l’azienda ad acquistare un sito Internet dal nome spongebob.xxx, “nessun altro potrà farlo”.

BUONE INTENZIONI -Naturalmente, il passaggio dalla PETA potrebbe essere solo l’ennesimo colpo di genio del marketing, nel tentativo di guadagnare spazio sulla stampa, ma non è senza precedenti. L’anno scorso, l’organizzazione ha espresso interesse per l’acquisto del dominio sex.com dopo che è stato messo all’asta . In una lettera ai venditori, i funzionari PETA ha spiegato cosa potrebbero fare con l’indirizzo, scrivendo:

“I visitatori del sito Sex.com recentemente rinnovato potrebbe guardare le nostre sexy annunci Super Bowl come “Love Veggie” (su come una dieta vegana può migliorare le tue prestazioni sotto le lenzuola) o guardare Alicia Silverstone nudo – la prova vivente che una dieta vegana aiuta il corpo. Potrebbero partecipare a uno dei nostri concorsi vegetariana più sexy. E scoprire che molti cibi vegan sono afrodisiaci naturali”.

Insomma, le intenzioni sembrano più buone rispetto al porno vero e proprio. Non ci resta che aspettare e vedere quali vantaggi possano avere gli animali da una cosa del genere.