|

Daniela Falcone: il figlio ha tentato di difendersi dalla sua furia omicida

Assume i contorni di un delitto efferato l’omicidio di Carmine De Santis, il bambino di 11 anni ucciso a Cosenza dalla madre, Daniela Falcone, di 43 anni, che ha poi tentato il suicidio. Dall’autopsia eseguita stamattina, è emerso che sono state usate due armi. Con un coltello da cucina la donna ha sferrato il colpo mortale al torace del bimbo e poi, con un paio di forbici, lo ha colpito alla gola. Il delitto risale alla tarda mattinata di sabato. Il bimbo è morto dopo alcune ore dissanguato.

daniela falcone
AUTOPSIA – Dall’autopsia è emerso che Daniela Falcone ha inferto il colpo al torace al figlio con il coltello da cucina che ha perforato un polmone. Subito dopo, probabilmente per accelerare il decesso, la donna ha colpito al collo il figlio con le forbici. La morte dell’undicenne però, secondo gli accertamenti del medico legale, è sopravvenuta solamente dopo alcune ore. L’autopsia ha fatto chiarezza anche sull’ora del delitto. La donna ha ucciso il bambino dopo averlo prelevato dalla scuola di Rovito e portato, a bordo della sua automobile, in una zona di campagna tra Cosenza e Paola. Nello stomaco del bambino sono stati trovati i resti del panino che aveva mangiato poco prima a scuola e questo conferma che il decesso è avvenuto prima dell’avvio della fase digestiva. Le risultanze dell’autopsia confermano, secondo quanto si e’ appreso, la ricostruzione fatta dagli investigatori. Gli elementi ora in possesso degli inquirenti porteranno ad una contestazione di una serie di aggravanti nei confronti di Daniela Falcone, che al momento resta ricoverata e piantonata nell’ospedale di Cosenza con la formale accusa di omicidio.

SI E’ DIFESO – Ha cercato di difendersi dalla furia della madre che lo stava colpendo con un coltello e un paio di forbici il piccolo Carmine De Santis, ucciso da Daniela Falcone. E’ quanto emerso dall’autopsia. Sotto le unghie del bambino sono state trovate tracce di sangue e di pelle che apparterrebbero alla madre. Il quadro emerso dall’autopsia, secondo gli inquirenti, e’ davvero “raccapricciante”. Il bambino non è riuscito a sfuggire alla furia della madre perchè indossava la cintura di sicurezza. Lo riporta l’Ansa.

LE CONDIZIONI DELLA MADRE – Ripete frasi senza senso con uno sguardo impietrito e sempre fisso nel vuoto, Daniela Falcone, la donna di 43 anni che ha ucciso il figlio undicenne e poi ha tentato il suicidio. La donna si trova ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Cosenza. Le sue condizioni sono migliorate ed è completamente fuori pericolo, tanto che i medici pensano di dimetterla tra 2-3 giorni. La donna è comunque piantonata dai poliziotti e controllata costantemente per evitare che possa compiere gesti autolesionisti. Investigatori e medici hanno tentato di parlarle, ma lei continua a ripetere la parola ‘bambino’, alla quale aggiunge la frase ‘il lenzuolo bianco per il bambino’. Nelle prossime ore, e comunque prima che la donna venga dimessa dall’ospedale, il procuratore della Repubblica di Paola, Bruno Giordano, ed il sostituto Linda Gambassi emetteranno un provvedimento giudiziario a carico della donna.