|

Vasco Rossi e il lungo addio a Maurizio Solieri

Vasco Rossi congeda definitivamente Maurizio Solieri, suo chitarrista storico, e i fans insorgono. L’addio di Vasco a Solieri era già stato anticipato un paio d’anni fa, con tanto di coda polemica, da parte del Blasco. Ma soltanto oggi diventa ufficiale:

vasco rossi maurizio solieri

Il Corriere della Sera commenta al vetriolo:

Cambiamento, spiega su Facebook, motivato «dall’urgenza artistica di ottenere rinnovati arrangiamenti con sonorità più heavy riff-oriented». Solieri viene congedato senza nemmeno un grazie per il servizio prestato (manco Renzi con Letta) e forse è anche questo il motivo che scatena la protesta dei fan in rete. Non sarà sostituito — ci sarà solo un solista, il confermato Stef Burns, e il nuovo innesto Vince Pastano sarà alla chitarra ritmica; non è l’unica modifica alla band che sarà in tour quest’estate — alla batteria al posto di Matt Laug arriva Will Hunt — ma è la fine di un rapporto storico, iniziato nel 1977.

Il quotidiano ricorda i precedenti:

Già due anni fa Vasco aveva maltrattato Solieri via social network dandogli dell’irriconoscente, scrivendo che era rimasto fermo agli anni 80 e che non era mai riuscito a diventare un professionista. Poi tutto era rientrato e la scorsa estate quel faccione da indiano padano era sul palco del Live Kom Tour. Per Solieri ora c’è un nuovo progetto. Il 18 marzo uscirà «Non si muore mai», Ep di debutto della Solieri Gang. E se fosse questo il motivo dell’addio? Una scenata di gelosia da vera coppia scoppiata.

VASCO ROSSI E IL LUNGO ADDIO A MAURIZIO SOLIERI – Ma i fans su Facebook non sembrano proprio unanimemente d’accordo: