|

Cicciolina e il caso del furto a luci rosse

Nella puntata di Lucignolo andata in onda ieri sera su Italia 1 gli inviati della trasmissione sono andati a casa di Ilona Staller, la quale ha denunciato il fatto di essere stata derubata dei suoi ricordi raccolti nell’archivio che teneva in garage.

cicciolina furto lucignolo 9

IL FURTO – Cicciolina racconta che le hanno rubato materiale sia audio che video ed anche un film che stava per uscire al cinema. Si augura che chi ha rubato il tutto restituisca il maltolto. Il suo avvocato (e secondo alcuni ex fidanzato) Luca di Carlo, ha detto che il il danno «è inestimabile, «oggi il valore commerciale  è di 20 milioni di euro circa». Il pezzo forte del bottino sarebbe un lungometraggio di un’ora e quaranta circa con le tappe salienti della carriera di Cicciolina dal 74′ all’88’ che contiene alcuni inediti: «Si chiama “Il giorno di Ilona” è stata to girato in cinematografico, quindi non era destinato alla televisione. Stava per uscire in tutto il mondo». Pensa che chi l’ha rubato sapeva cosa stava cercando.

Leggi anche: Ischia: la fine della storia del video porno a Lucignolo.

I TEMPI PASSATI – Crede che il furto sia «un bel giallo» e si augura che venga ritrovato al più presto perchè «La mia vita ha talmente tante sfaccettature che per ricostruirla ci vorrebero chissà quante vite». La Staller ha dei sospetti e pensa che a compiere il furto possa essere stato qualcuno a lei molto vicino che avrebbe voluto «monetizzarla». Tra i materiali rubati vi erano anche delle copie del calendario di Cicciolina del 2014. La Staller racconta di avere un po’ di nostalgia dei tempi passati e parlando di Moana Pozzi si ricorda che scherzavano sempre e raccontavano che se fossero state mescolate le loro caratteristiche fisiche avrebbero dato alla vita ad una donna perfetta, una donna bionica.