|

La bufala del cartello che incita gli immigrati a stuprare

«Stuprate, stuprate, stuprate. Non sarete puniti. In Finlandia potete farlo, i rifugiati possono fare tutto. Contatta l’ambasciata finlandese, ora». Così reciterebbe un cartello apparso in una non meglio precisata città del Sudafrica. O, almeno, questo è quello che recita un post improvvisamente diventato virale su Facebook negli ultimi giorni: l’immagine del cartellone è accompagnato dai commenti degli utenti che l’hanno condivisa, spiegando che quel manifesto sarebbe realmente stato affisso in Sudafrica, per incentivare i potenziali immigrati a commettere reati sessuali una volta arrivati nel paese scandinavo.

cartello stupro finlandia 2

COMMENTI RAZZISTI E XENOFOBI – In molti casi, chi condivide il post lo fa condendolo con commenti di natura xenofoba, senza risparmiarsi nemmeno qualche commento razzista all’indirizzo del ministro Kyenge che esporrebbe il nostro paese «all’imbarbarimento», causato dall’essere «nazioni multietniche», e citando addirittura Benito Mussolini a mo’ di «paladino».

cartello stupro finlandia 4

UN FOTOMONTAGGIO – Della questione se ne è occupato il sito Bufale e dintorni, che spiega l’origine dell’immagine – che è a tutti gli effetti un fotomontaggio e non un vero manifesto, creato in segno di protesta contro la sentenza di un caso di violenza sessuale perpetrata da tre calciatori afro-americani (e non immigrati sudafricani):

In Finlandia la violenza sessuale è un reato a prescindere da chi lo commette. Il manifesto che si vede nella foto è un fotomontaggio ideato apparentemente per protestare contro una sentenza di condanna molto lieve inflitta a tre calciatori afro-americani, che avevano violentato due ragazze finlandesi  di 18 e 19 anni alla fine del 2009. La protesta è rivolta anche contro il partito Vihreät, che sostiene l’immigrazione e il multiculturalismo. Infatti, il nome del partito si legge nel fotomontaggio in alto a destra e il manifesto così come appare nel post, naturalmente, non è mai stato esposto in nessun paese del mondo.

 

LEGGI ANCHE: Lo studente picchiato a morte perché aveva i capelli ossigenati

 

CAMPAGNA DI MEDICI SENZA FRONTIERE – Il manifesto originale, infatti, fa parte di una campagna di Medici Senza Frontiere, per sensibilizzare le donne che hanno subito violenza sessuale a recarsi subito in ospedale per ricevere cure mediche e assistenza. Manifesto che sarebbe stato affisso in una strada della Liberia, non in Sudafrica:

cartello stupro finlandia 3

MANIFESTO FALSIFICATO – Qualcuno, in malafede, avrebbe cominciato a far circolare il manifesto modificato, sostenendo che questo fosse stato realmente affisso in Sudafrica per incoraggiare gli uomini ad andare in Finlandia e a stuprare le donne:

Tuttavia, il manifesto falsificato è stato ripreso recentemente con l’affermazione che in Sudafrica espongono manifesti che incitano gli immigrati in Finlandia a stuprare le ragazze locali. Questa affermazione è ovviamente falsa. […] Diffondere messaggi farneticanti che inneggiano all’odio razziale è assolutamente sconsigliato. La tensione che attualmente vige nei paesi europei è molto alta e la diffusione di spudorate menzogne non aiuta nessuno.